Nuovo decreto, faq Governo: cosa si può fare da oggi in zona rossa

Da oggi scatta la zona rossa in mezza Italia, cosa si potrà fare e cosa no?

di , pubblicato il
Dpcm 7 aprile lockdown

Da oggi, lunedì 15 marzo, l’Italia è quasi tutta in zona rossa e arancione. Fino a Pasqua il paese sarà chiuso per pandemia. Per le prossime due settimane Lombardia, Piemonte, Veneto, provincia di Trento, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Molise, Puglia e Campania sono in zona rossa mentre Valle D’Aosta, Liguria, provincia di Trento, Toscana, Umbria, Abruzzo, Basilicata, Calabria e Sicilia saranno in zona arancione. Regole da zona rossa saranno previste dal 3 al 5 aprile durante i tre giorni delle vacanze di Pasqua.

Deroghe Pasqua e visite ad amici e parenti

Nelle zone arancioni sarà permesso andare a trovare una volta al giorno parenti e amici solo se vivono nello stesso Comune, tra le 5 e le 22. Rimane invece vietato lo spostamento per le zone rosse. I cittadini dei piccoli comuni fino a 5mila abitanti possono spostarsi fino a 30 km ma senza andare nei capoluoghi di provincia. Il 3,4 e 5 aprile tutta l’Italia sarà in zona rossa, ma sarà consentito spostarsi verso un’abitazione privata nella stessa regione tra le 5 e le 22 nel limite di due persone esclusi minori di 14 anni. Si legge infatti che:

“Nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021 sarà consentito una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata della stessa Regione, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione”.

Spostamenti seconde case, attività sportiva

Non cambia nulla per gli spostamenti verso le seconde case. Sarà possibile raggiungerle anche in un’altra regione solo se si può provare di avere il titolo per recarsi nelle stesse datato prima del 14 gennaio. In Valle D’Aosta, invece, un’ordinanza vieta lo spostamento verso le seconde case.

Per quanto riguarda gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni in caso di genitori separati e divorziati, si legge che «gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Regioni e tra aree differenti».

Nessun cambiamento per l’attività sportiva in zona rossa che si può svolgere in maniera individuale nei pressi della propria abitazione e all’aperto, mentre è sempre possibile partecipare alle funzioni religiose. A meno che non ci sono ordinanze specifiche, è sempre possibile andare nei parchi pubblici evitando assembramenti e comunque nei parchi vicini alla propria abitazione.
In auto è possibile anche con persone non conviventi ma in questo caso il passeggero deve sedere dietro e indossare la mascherina, così come il conducente.

Vedi anche: Pasqua e Pasquetta in zona rossa: si va verso lockdown e chiusure

[email protected]

Argomenti: ,