Nuovo decreto 24 maggio su coprifuoco e riaperture in vista

Nuovo decreto dal 24 maggio per regolare le riaperture.

di , pubblicato il
Zona gialla

Nuovo decreto dal 24 maggio per regolare lo spostamento del coprifuoco e le riaperture. Mario Draghi ha frenato gli animi e ha chiesto un pò di pazienza anticipando che per lo slittamento del coprifuoco alle 23 dovranno passare ancora dei giorni.

Si va verso un decreto dal 24 maggio per regolare altre riaperture

Nel nuovo decreto del 24 maggio, oltre al tema caldo del coprifuoco saranno regolate le riaperture e le regole per le feste di nozze. Intanto il governo ha anche stanziato 200 milioni di indennizzi che arriveranno nel nuovo decreto sostegni. Chi deve organizzare un matrimonio, insomma, dovrà ancora attendere, onde evitare che gli assembramenti possano diventare fonte di contagio e di nuovi focolai.

Sempre da lunedì 17 maggio, saranno prese le decisioni per il coprifuoco, che quasi certamente sarà posticipato alle 23. Una data arriverà anche per il comparto wedding, una delle più penalizzate con le chiusure e le restrizioni. Lo scopo è evitare il via libera tutti e quindi riaprire in maniera graduale con più date a partire dal 24 maggio, quando verosimilmente sarà in vigore il nuovo decreto.

In ballo anche i centri commerciali

Stando alle ipotesi che circolano al momento, per lo spostamento del coprifuoco alle 23 questo potrebbe anche avvenire entro la fine di maggio. Novità anche per le aperture dei centri commerciali durante il weekend che dovrebbero riaprire sempre a fine maggio. Per la ripartenza del settore wedding, e quindi feste di cerimonie, eventi etc, si parla del 15 giugno. Dal 1 giugno dovrebbero riaprire anche i ristoranti al chiuso mentre non c’è ancora una data precisa, che sarà decisa molto presto, per le piscine coperte e i parchi a tema.

Tra gli obiettivi a breve termine del Governo, anche la riapertura al turismo e la sperimentazione dei voli covi tested.

 Nel nuovo decreto del 24 maggio, ci saranno anche indicazioni in merito all’indice Rt che dovrebbe andare in soffitta. Per i report settimanali saranno considerati il tasso di occupazione degli ospedali e delle terapie intensive. Inoltre si pensa di limitare la zona rossa solo ad alcuni territori che hanno numero alti. Maggiori dettagli giungeranno sicuramente entro la fine di questa settimana.

Vedi anche: Vaccini in vacanza: seconda dose nelle località di villeggiatura per salvare turismo e campagna vaccinale

[email protected]

Argomenti: ,