Nuova stretta anti Covid dal 15 marzo: zona gialla rafforzata e coprifuoco anticipato

Nuove regole severe in arrivo dalla prossima settimana, si pensa ad una zona gialla rafforzata.

di , pubblicato il
Lockdown

Si attende per la giornata di oggi la decisione finale sulla stretta anti-covid che sembra aver scongiurato il lockdown generalizzato ma porterà una modifica al Dpcm del 6 marzo. Prima di prendere ogni decisione, Draghi vuole aspettare i dati di oggi dell’ISS, anche se ormai sembra certo che dal 15 marzo l’Italia dovrà affrontare nuove regole fino a Pasqua. 

Zona gialla rafforzata, weekend arancione scuro

I dati in peggioramento non possono che determinare l’avvio di nuove restrizioni, a partire dal passaggio in zona arancione e rossa di quasi tutte le regioni italiane. E non sarebbe finita qui. Si pensa al coprifuoco anticipato di un paio d’ore, la chiusura dei parchi, una zona gialla rafforzata durante la settimana, weekend in zona arancione e Pasqua in lockdown. Assodato che le regioni con 250 casi su 100mila passeranno in zona rossa automaticamente. 

Dunque, per adesso sembra scongiurato il lockdown nazionale ma quasi sicuramente ci sarà una zona gialla rafforzata durante la settimana. Di fatto questo prevederà non solo il coprifuoco anticipato ma anche il divieto di sostare in strada, limitare il più possibile gli spostamenti e la chiusura dei parchi. Sul tavolo anche il divieto delle bevande da asporto dopo le 18 e il divieto di visitare parenti e amici. 

Durante il weekend, invece, si punta alla zona arancione scuro, quindi una zona arancione con regole severe. Su questo punto però ci sono ancora dubbi. 

Pasqua blindata e coprifuoco anticipato

La Pasqua rimane invece blindata, è quasi certo che durante i giorni festivi e prefestivi, quindi dal sabato di Pasqua alla Pasquetta, l’Italia sarà in zona rossa, un modello simile a quello di Natale, che vorrebbe dire negozi e ristoranti chiusi e divieto di spostamento.

Infine, potrebbe essere spostato in avanti il divieto di spostamento tra Regioni, non più al 27 marzo ma al 6 aprile. 

Il ministro Speranza ha chiarito, ad Accordi e Disaccordi sul canale 9:

“C’è la novità rappresentata dalla variante inglese, più contagiosa del 35-40%. La richiesta degli scienziati è assumere misure più rigorose, dovremo valutare con attenzione i numeri e adottare misure proporzionate. Davanti a noi abbiamo settimane non semplici ma arriveranno dosi di vaccino in misura più consistente e questo ci permetterà di correre”.

Le prossime ore, insomma, saranno fondamentali per capire che cosa cambierà dalla prossima settimana. Vedi anche: Lockdown nel weekend, si decide per le chiusure o zona rossa

[email protected]

 

Argomenti: ,