No all’assicurazione obbligatoria contro i rischi ed eventi climatici

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il

Comunicato Stampa 5 dicembre 2012 Federconsumatori

 

AMBIENTE: NO ALL’OBBLIGO DI ASSICURAZIONE PER RISCHI ED EVENTI CLIMATICI. UN INACCETTABILE REGALO PER LE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE.

  Come già ci battemmo contro l’assurda proposta fatta all’indomani del sisma in Emilia, torniamo a criticare fortemente l’ipotesi di obbligo di assicurazione per rischi ed eventi climatici su “beni e strutture”. “Un provvedimento del tutto improponibile che consentirebbe alle compagnie di assicurazione di lucrare sulle disgrazie dei cittadini.” – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti. Rendere obbligatorie le polizze sulle calamità naturali, infatti, vorrebbe dire accrescere a dismisura gli introiti delle compagnie assicurative, che già guadagnano abbastanza applicando le tariffe rc auto più care d’Europa. Secondo una nostra stima, i maggiori guadagni, con un costo medio di 200 Euro l’anno a polizza, ammonterebbero a circa 6 miliardi di Euro (assicurando 30 milioni di abitazioni private tra prime e seconde case). Del tutto inutile, inoltre, l’applicazione di tale obbligo alle sole aree ad alto rischio: come ha dimostrato il recente terremoto in Emilia, non è possibile definire con certezza quali siano le aree a rischio o meno. Federconsumatori e Adusbef chiamano alla responsabilità Istituzioni e parlamentari affinché non facciano passare questo grave e vergognoso provvedimento.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cittadinanza attiva

I commenti sono chiusi.