Netflix: il killer di Blockbuster

Analisti della crescita esponenziale di Netflix e previsioni del trend futuro del titolo azionario.

di , pubblicato il
Moretti-Zanni su Netflix

Introduzione

In settimana, verrà chiamata alla prova dei conti una delle aziende che ha cambiato maggiormente il nostro modo di vedere film e serie tv. Questo è stato possibile grazie alla visione dei fondatori Reed Hastings e Marc Randolph, che prima di tutti hanno capito che il pensionamento dei DVD era ormai prossimo. Infatti, in pochi sanno che proprio dal noleggio erano partiti prima degli anni 2000 ed è stata proprio l’innovazione che ha permesso di portare l’azienda ai livelli attuali e diventare leader nel mercato di riferimento mentre altri sono spariti.

L’azienda è stata anche tra le prime proprio nel 2013 a capire che se si voleva distinguere, avrebbe dovuto produrre da sé film e serie tv, arrivando a creare pellicole molto interessanti. Una delle tante scelte che le hanno permesso di passare da un prezzo di poco più di 10 dollari ad azione ai circa 550 dollari attuali. Una crescita spaventosa, che quest’articolo analizza il titolo a livello fondamentale e tecnico. 

Ritorno per gli azionisti Netflix

ANALISI FONDAMENTALE

Analisi fondamentale azioni Netflix

Crescita del fatturato parabolica. Qui, emerge abbastanza chiara la strategia dell’azienda di investire tantissimo in contenuti di qualità per portare un pubblico sembra maggiore e, una volta che la platea è stata ampliata e resa dipendente dai contenuti esclusivi Netflix, aumentare il margine di profitto. Ci è riuscita molto bene se ci basiamo sui numeri e il prezzo in borsa non ha fatto altro che rispecchiare le aspettative che gli operatori hanno su un titolo, che sembra destinato a crescere ancora guardando il grafico sottostante.

Netflix è sempre di più nelle case di tutto il mondo e la qualità della loro produzione è ogni anno superiore il che porterà questa “dipendenza” a generare sempre più margine di profitto secondo gli analisti.

Analisi Netflix

Analisi Netflix

La qualità e l’innovazione si paga e Netflix non bada a spese.

Ogni anno, investe in ricerca e sviluppo molto più di quanto guadagna e questo a differenza di quanto si possa pensare crea ancora più aspettative tra gli operatori, che badano poco all’alto debito che porta in grembo, perché l’azienda è in grado di far fruttare alla grande ogni dollaro speso.

Vediamo il confronto con il suo indice

Confronto con indice Netflix

 

A confronto abbiamo il titolo Netflix (linea blu), con l’Etf Ishares (linea arancione) che replica l’andamento dell’SP500, considerando il periodo da inizio 2013, quando l’azienda ha cominciato a produrre da sé la sovra-perfomance e praticamente costante e in aumento.

Netflix non solo è notevolmente più forte del suo mercato di riferimento, ma anche dell’indice stesso.  

ANALISI TECNICA

Analisi tecnica Netflix

Trend di fondo assolutamente rialzista, da luglio 2020 continua a muoversi in laterale in un ampio trading range tra l’area dei 470 e i 560, nel brevissimo ha innescato un mini trend rialzista che però non ci permette di poterci esporre ancora né in una direzione né nell’altra; saranno con grossa probabilità le trimestrali che che ci saranno martedì 20 aprile a dare una direzione al titolo.
Se però ci rifacciamo ai capi saldi dell’analisi tecnica, un trend rialzista in atto ha più possibilità di proseguire che di invertire, quindi concludendo non dovrebbero esserci grosse sorprese.

 

RESISTENZA 3700$
RESISTENZA 2600$
RESISTENZA 1560$
Prezzo al momento dell’analisi546,54$
SUPPORTO 1500$
SUPPORTO 2470$
SUPPORTO 3400$

Alessandro Moretti e Danilo Zanni, Io Investo

Argomenti: