Movimento 5 Stelle: ex grillino clona il simbolo

Beppe Grillo infuriato minaccia di non presentarsi alle elezioni 2013

di , pubblicato il
Beppe Grillo infuriato minaccia di non presentarsi alle elezioni 2013

Caos alla presentazione dei simboli per i partiti candidati alle elezioni 2013: tra quelli dei movimenti minori spunta un logo perfettamente identico  a quello del Movimento 5 Stelle. Un chiaro intento di ingannare gli elettori brillando di luce riflessa e sfruttando quindi la notorietà di Beppe Grillo. Quest’ultimo è andato su tutte le furie minacciando di non presentarsi alle elezioni.

A copiare il simbolo è stato un ex grillino ma lui afferma di aver depositato il logo nel 2007

Dietro a questo ulteriore sgambetto al percorso di Beppe Grillo verso le elezioni c’è un ex grillino,  Andrea Massimiliano Foti.

L’uomo in queste ore è oggetto di critiche e forti contestazioni sul web ma lui precisa di aver depositato il simbolo nel 2007 e quindi di essere in perfetta buona fede. Secondo la versione di Foti lui avrebbe pensato alle elezioni prima di Grillo e l’ideatore del simbolo del Movimento 5 Stelle sarebbe proprio lui. Sul sito Lasiciliaweb.it Foti, nato a Catania ma da tempo residente a Bergamo, racconta anche di essere stato anche additato come mafioso solo per la sua origine siciliana. Ovviamente Grillo ha già presentato ricorso per eliminare la lista civetta e il verdetto sarà noto domani. E tra le file del Pd c’è chi è convinto che l’aut aut sia solo una trovata pubblicitaria.

Loghi clonati: anche Monti e Ingroia tra le vittime

Ma questo trucchetto ha coinvolto anche altri partiti. Tra le vittime dei simboli clonati anche Mario Monti, con Scelta Civica, e Antonio Ingroia con Rivoluzione Civile. I responsabili sono rispettivamente Samuele Monti, consigliere comunale di una lista civica a Frabosa Soprana (Cuneo) a capo del movimento “Per l’Europa Monti presidente” e Massimiliano Loda, insegnante di matematica e fisica, ex Lega Nord. E non mancano i nomi bizzarri e poco credibili. Tra gli ultimi personaggi  in cerca di fama troviamo il «Movimento Bunga-bunga». Tra i più originali citiamo il “Partito internettiano” e quello dei “Poeti in azione”.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: