Movimento 5 Stelle denuncia ennesima “porcata” legislativa

Roberta Lombardi rende nota quella che definisce una "porcata di fine legislatura"

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Roberta Lombardi rende nota quella che definisce una

Roberta Lombardi, capogruppo alla Camera per il Movimento 5 Stelle, ha presentato ieri sera una relazione video delle riunioni e conferenze a cui ha partecipato rendendo noti tre atti che la Camera deve approvare con urgenza. La Lombardi fa notare che, non essendo ancora pronte le commissioni dei lavori, è stata istituita una Commissione Speciale che deve provvedere ai lavori relativi ai tre atti presentati, di cui uno è la relazione al Parlamento del Governo sulla revisione dei conti della finanza pubblica: “Ieri alle 17 si è tenuta la riunione dei capigruppo con tre atti da approvare in tempi brevi per scadenze di legge o per urgenza. Visto che le commissioni non partono per problemi di poltrone, si deve istituire una Commissione speciale. L’atto più importante è larelazione al Parlamento del Governo sull’allentamento del vincolo di bilancio e la revisione (in negativo) dei saldi di finanza pubblica, per un futuro decreto legge che stanzi i soldi creati con nuovo debito pubblico, per i pagamenti dei crediti delle imprese verso la PA.” Come è noto la pubblica amministrazione ha molti debiti con le imprese, molte delle quali, proprio a causa dei ritardi nei pagamenti si trovano in difficoltà finanziarie. Il Movimento 5 Stelle si dichiara a favore del pagamento dei crediti da parte della pubblica amministrazione, ma la Lombardo fa notare che due punti della relazione di Grilli non sono chiarissimi: “Si tratta di 40 miliardi: 20 miliardi per il 2013 e 20 per il 2014. Bisogna allentare il Patto di stabilità per un decreto legge visto che la materia è urgente. Fermo restando che siamo assolutamente a favore del pagamento dei crediti alle PMI, non ci hanno convinto due punti della relazione di Grilli. Il primo: “una parte dei pagamenti alle imprese confluirà immediatamente al settore creditizio, in quanto una quota del portafoglio di debiti risulta già ceduto (pro solvendo o pro soluto) alle banche. Se da un lato questo aspetto diminuisce l’impatto sul sistema economico, dall’altro contribuisce a ridurre le tensioni all interno del sistema creditizio. […] si attende una riduzione dei tassi d’interesse alla clientela e un’attenuazione delle tensioni sull’offerta di credito.“. Ossia: i cittadini prendono un impegno per 40 miliardi di debito pubblico, di cui una parte (nessuno sa quanta) andrà direttamente alle banche e da questa generosa, ennesima, regalìa ci si aspetta che subito erogheranno prestiti e finanziamenti alle PMI italiane. L’esperienza di questi anni ci ha reso cauti sugli effetti nell’economia reale dei finanziamenti alle banche. L’altro punto: “gli interventi programmati prevedono il pagamento di una quota dei debiti relativi alle spese di investimento nell’ordine dello 0,5 punti percentuali di PIL, per cui il livello programmatico dell’indebitamento netto per l’anno 2013 si dovrebbe attestare al 2,9% del PIL, rispettando in tal modo i vincoli di bilancio imposti a livello europeo“. Il 2,9% del PIL, come indebitamento netto, è sotto il famoso 3% del rapporto deficit/PIL.” Roberta Lombardi fa notare con questo stanziamento l’indebitamento che l’Italia può destinare alla crescita per il 2013 “Ossia con questo decreto legge, che sarà presentato dal Consiglio dei Ministri per poi essere approvato in una Commissione speciale che avrà 3 – 4 giorni per curarne la fase istruttoria, presentarlo in aula e votarlo velocemente, ci stiamo giocando tutto l’indebitamento che possiamo stanziare per la crescita per il 2013. Un decreto fatto in fretta e furia nelle segrete stanze come è solita fare la politica per una porcata di fine legislatura. Noi ci siamo opposti. Questa questione deve venire in aula e seguire un iter normale. Chiediamo alla presidente Boldrini di istituire le Commissioni permanenti e permettere il dibattito in aula in sedute pubbliche, di modo che tutti possano capire cosa sta succedendo con i soldi dei cittadini.”.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica