Misura la velocità della tua Adsl: il Misura Internet dell’AGCOM

Un servizio offerto dal Garante nelle comunicazioni che permette di stabilire se la linea internet che paghiamo risponde a ciò che stiamo pagando e, caso contrario, sporgere reclamo.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Un servizio offerto dal Garante nelle comunicazioni che permette di stabilire se la linea internet che paghiamo risponde a ciò che stiamo pagando e, caso contrario, sporgere reclamo.

Molto spesso ci si domanda se la propria connessione va come dovrebbe andare, se la velocità sia quella per la quale in realtà si paga. In rete sono disponibili molti  speed test per stabilire la velocità della connessione sia in upload che in download, che comunicano anche il ping, il tempo che passa tra l’invio di un pacchetto dati e il ritorno. Ma da oggi è  disponibile on line uno strumento per misurare la velocità della propria Adsl, un software gratuito dell’Autorità garante nelle comunicazioni chiamato Misura Internet Speed Test che permette di effettuare da qualsiasi postazione, sia fissa che mobile, un rapido test, con una risposta entro 4 minuti  della velocità della propria connessione. Dove sta la novità rispetto agli altri Speed Test già presenti in rete? Il fatto che questo software oltre a valutare la velocità di internet prende in considerazione esclusivamente la rete dell’operatore con il quale l’utente si sta collegando in quel momento oltre a effettuare, per dare una maggiore attendibilità al test, un controllo del Pc e sullo stato del sistema come ad esempio l’occupazione della CPU e della RAM, il tipo di connessione ( se ethernet o wireless), presenza di stampanti in rete, ecc…  

Il test del Garante permette il reclamo

Se il  Misura Internet Speed Test rivela dei risultati peggiori da quelli garantiti contrattualmente dall’operatore si potrà effettuare un test completo con un software Agcom che valuterà complessivamente la qualità della linea e rilascerà all’utente un certificato tramite il quale potrà sporgere un reclamo e chiedere un rimborso e il ripristino dei valori pattuiti sul contratto in virtù del codice 72 del Codice delle comunicazioni elettroniche .  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cittadinanza attiva