Milena Gabanelli è il candidato Presidente della Repubblica del 5 Stelle

La conduttrice di Report vince le Quirinarie: secondo e terzo posto per Gino Strada e Rodotà

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
La conduttrice di Report vince le Quirinarie: secondo e terzo posto per Gino Strada e Rodotà

Lo spoglio dei voti dei nove nomi al ballottaggio delle Quirinarie ha eletto Milena Gabanelli candidato Presidente della Repubblica del Movimento 5 Stelle. Al secondo posto Gino Strada, seguito da Stefano Rodotà.

La volontà degli iscritti al Movimento 5 Stelle

Alla votazione per il candidato alla Presidenza della Repubblica hanno potuto partecipare tutti gli iscritti al Movimento alla data del 31 dicembre 2012 presentando documento di identità digitalizzato. Ecco, nell’ordine, le preferenze per i nove candidati (dopo la rinuncia volontaria di Beppe Grillo) 1. Gabanelli Milena Jole 2. Strada Luigi detto Gino 3. Rodota’ Stefano 4. Zagrebelsky Gustavo 5. Imposimato Ferdinando 6. Bonino Emma 7. Caselli Gian Carlo 8. Prodi Romano 9. Fo Dario  

La reazione della rete: si a un Presidente della Repubblica donna

Le prime reazioni della rete appaiono positive. Nei giorni scorsi era stata fondata una pagina facebook a sostegno della candidatura della Gabanelli ed era partita anche una petizione online. Tra i grillini c’è grande soddisfazione per la proposta di un nome femminile e sicuramente la Gabanelli crea meno rotture di Emma Bonino. Qualcuno ha fatto notare come sia curioso che proprio il Movimento 5 Stelle proponga una conduttrice, visti i rapporti difficili con la tv. Non mancano i commenti che esprimono perplessità, che parlano di influenza della tv e sperano in una rinuncia della Gabanelli e di Strada per far spazio a Rodotà. In nome della trasparenza inoltre c’è anche chi chiede che vengano pubblicati i voti assegnati ad ogni candidato. La Gabanelli non si è ancora espressa, così come neanche gli esponenti di Pd e Pdl: potrebbe essere un nome condiviso?  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica