Mercato immobiliare: cadono i prezzi nel 2012 ma domanda e offerta sono ancora disallineati

L'indagine del portale idealista.it rileva che la diminuzione dei prezzi è ancora troppo contenuta vista la stasi nelle compravendite

di Carlo Robino, pubblicato il
L'indagine del portale idealista.it rileva che la diminuzione dei prezzi è ancora troppo contenuta vista la stasi nelle compravendite

L’indagine del portale immobiliare idealista.it conferma la crisi del mercato immobiliare italiano con il livello delle compravendite che è crollato nell’ultimo anno (Crisi mercato immobiliare, in Italia non si comprano più case). Tuttavia la ricerca mette in evidenza come i prezzi degli immobili di 39 città capoluogo di provincia siano calati del 5% nel corso del 2012. Solo 4 capoluoghi registrano nell’anno un aumento dei prezzi: Pescara (+1,5%) , Sassari (+0,5%), Trapani (+0,8%) e Siracusa (+1,3%). Nel  resto delle altre città monitorate si è sperimentata una diminuzione del prezzo delle compravendite e i ribassi più evidenti si sono registrati a Roma (-6,6%), Bari (-7,1%), Bologna (-5,5%), Catania (-5,4% ) e Firenze (-5,3%). I prezzi si sgonfiano moltissimo a Padova (-16,4%) mentre Napoli (-1,9%) e Milano (-1,0%) mostrano una sostanziale tenuta rispetto al contesto generale. Il fenomeno non è così sorprendente in base alla legge del mercato che prevede che alla diminuzione della domanda segua una discesa dei prezzi.  

I prezzi delle case non accennano a calare

Tuttavia secondo Vincenzo De Tommaso, dell’ufficio studi di idealista.it, la diminuzione è stata piuttosto contenuta visto che i prezzi di mercato “sono ancora troppo disallineati“. Inoltre secondo l’analista il peso della crisi immobiliare nel 2013 ricadrà principalmente sui proprietari che, a differenza dell’anno scorso, non potranno più permettersi di rimandare le dismissioni di immobili visto l’inasprimento fiscale e la riclassificazione degli estimi catastali.  E’ per questo che nel 2013 si potranno fare dei buoni affari per chi può accedere al credito fondiario.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia