Auto usate per 12.270 euro e vecchie di 6,7 anni: i dati italiani mostrano la crisi

Il mercato delle auto di seconda mano mostra prezzi stabili e vendite in calo rispetto al 2016. La crisi spinge le famiglie a rinviare gli acquisti.

di , pubblicato il
Il mercato delle auto di seconda mano mostra prezzi stabili e vendite in calo rispetto al 2016. La crisi spinge le famiglie a rinviare gli acquisti.

Le vendite di auto in Italia procedono bene quest’anno, con oltre 1,5 milioni di immatricolazioni nei primi 9 mesi, un dato in rialzo dell’8,3% rispetto allo stesso periodo del 2016. Considerando tutte le tipologie di veicoli, le immatricolazioni si sono attestate a poco meno di 1,9 milioni di unità e anche in questo caso in aumento dell’8,2% su base annua. Bene anche il mercato delle auto usate, che ha registrato nei primi tre trimestri scambi per 2,36 milioni di unità, in crescita del 5%. Al netto delle minivolture, ovvero dei passaggi di proprietà verso le concessionarie, le vendite sono state di oltre 635.000 unità, ma in calo del 4,4%. Prendendo anche in questo caso in considerazione l’intero parco macchine, la crescita è stata del 3,4% a circa 3,03 milioni di unità, ma al netto delle minovolture, vi è stato un calo del 5% a 1,06 milioni di unità. (Leggi anche: Bollo auto usate, chi lo paga?)

Cosa ci spiegano queste cifre? Innanzitutto, che il mercato delle auto usate pesa per quasi i due terzi del totale dei passaggi di proprietà, per circa un terzo, se escludiamo le minivolture. E dati altrettanto interessanti arrivano dall’ACI, elaborati da AutoScout24, secondo cui i prezzi medi delle auto vendute nel terzo trimestre di quest’anno sono stati stabili (-0,1% sul secondo trimestre) a 12.270 euro, seppure con rilevanti differenze tra regione e regioni. Si passa dai 9.975 euro della Liguria ai 14.470 euro del Veneto. E la vita media delle auto vendute sarebbe stata di 6,7 anni, con il 23% dell’offerta riguardante veicoli immatricolati oltre 10 anni prima. In valore assoluto, i passaggi di proprietà tra privati più numerosi sono stati in Lombardia con 103.836 unità, ma in rapporto alla popolazione vince la Valle d’Aosta con 171,4 auto vendute ogni 10.000 abitanti.

Invecchia parco macchine

Complessivamente, quindi, il mercato dell’auto di seconda mano vale 8,4 miliardi nel solo periodo luglio-settembre e a prezzi invariati, dovrebbe raggiungere i 37 miliardi nell’intero anno, oltre il 2% del pil. Secondo una ricerca condotta nella prima parte del 2017 da Facile.it, il parco auto in Italia avrebbe una vita media di 9 anni e 6 mesi e il 16% mostrerebbe una longevità superiore ai 15 anni, in netto aumento dal 6% del 2000. In pratica, queste cifre ci dimostrano che con la crisi economica e i redditi fermi, se non in caduta per molte famiglie, gli italiani acquistano una nuova macchina sempre più in caso di necessità, anche se con il passaggio dal 2016 a quest’anno si nota una lieve tendenza al ringiovanimento. E combinando i dati, si ottiene che le auto di seconda mano verrebbero vendute mediamente ai due terzi della loro età età.  (Leggi anche: Crisi auto, parco macchine invecchia)

Rispetto ai principali stati europei, i prezzi di vendita per le auto usate risulterebbero da noi nettamente inferiori: Francia (20.805 euro), Germania (19310 euro), Austria (18.450 euro), Spagna (17.250 euro). Anche rispetto agli stessi prezzi italiani del 2012 si registra un calo del 6%, segno evidente che con la crisi spendiamo di meno per acquistare un’auto e lo facciamo quando non ne potremmo fare a meno. E dire che si tratti di un comparto trainante per la nostra manifattura e l’economia.

 

 

 

 

 

 

Argomenti: ,