McDonald’s, un passo nel futuro: il nuovo fast food che sembra un Apple Store e rivoluzionerà il colosso

McDonald’s si rinnova e punta al "modello Apple" con pagamenti digitali al via per un nuovo modello del futuro.

di Chiara Lanari, pubblicato il
McDonald’s si rinnova e punta al

McDonald’s guarda al futuro con un nuovo modello che mira a rivoluzionare il settore dei fast food. Il colosso americano ha infatti aperto un nuovo flagship store a Chicago che somiglia tantissimo ad un Apple Store, progettato dallo studio Ross Barney Architects della città dell’Illinois; negli intenti del gruppo in effetti  c’è proprio il desiderio di comunicare il cambiamento non solo estetico ma anche tecnologico a quanto pare. Più che un ristorante quello di Chicago sembra un immenso spazio aperto con tanto di 70 alberi e chioschi dove effettuare l’ordinazione e sperimentare anche il servizio al tavolo.

McDonald’s punta ad un nuovo modello?

Il colosso dei fast food, che non sembra conoscere crisi, guarda al futuro con un cambiamento netto dei suoi ristoranti, anche se per adesso solo quello di Chicago sembra promettere l’inizio di una vera e propria rivoluzione di marketing. A vederlo sembra un enorme Apple Store: 19mila piedi quadrati di locale con un piano terra adornato da alberi e chioschi, un progetto importante che dalle parole del Ceo di McDonald’s, Steve Easterbrook, fa comprendere come il cambiamento sia in atto e potrebbe coinvolgere anche altri ristoranti tra i tantissimi presenti in tutto il mondo. L’enorme flagship di Chicago sarà aperto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 e permetterà di operare con ordinazioni fai-da-te, servizio al tavolo, ordini e pagamenti con cellulare e digitali.

Pagamenti con il cellulare e servizio al tavolo

Dunque non si tratta soltanto di un cambiamento estetico ma anche nella sostanza considerando che fino ad oggi il servizio al tavolo non era contemplato. Entro il 2020 almeno 5mila ristoranti McDonald’s prevederanno la funzionalità di pagamento digitale ma si punta anche all’immagine; l’immenso ristorante di Chicago infatti oltre agli alberi vanta anche dei pannelli solari, un messaggio chiaro volto alla sostenibilità ambientale e la tecnologia.

Leggi anche: Ristorante cerca cuoco e pizzaiolo per 2300 euro al mese ma nessuno risponde

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Economia USA

I commenti sono chiusi.