Lussemburgo verso l’allentamento del segreto bancario

Giro di vite della Francia di Hollande contro i paradisi fiscali. Continua la svolta "moralizzatrice" di Parigi

di Enzo Lecci, pubblicato il
Giro di vite della Francia di Hollande contro i paradisi fiscali. Continua la svolta

Uno dei tanti tabù che ancora esistono in quest’Europa potrebbe presto saltare. Il Lussemburgo, infatti, sarebbe pronto a ridurre il segreto bancario a partire dal primo gennaio 2015. Ad annunciare l’intenzione di varare un provvedimento che a tutti gli effetti potrebbe essere definito storico è stato il primo ministro del piccolo stato, Jean-Claude Juncker, durante un discorso tenuto dinanzi al parlamento.  Siamo pronti a introdurre “senza pericoli  lo scambio automatico di informazioni” ha affermato Junker aggiungendo che la borsa del Granducato non avrebbe alcuna obiezione a riguardo. La prese di posizione di Junker (che ricordiamo è solo un’intenzione per ora non seguita da nulla di concreto) si va ad inserire nel solco della lotta all’evasione fiscale dei super-ricchi e alla scarsa trasparenza delle banche che ha nel presidente francese Hollande il suo alfiere. Proprio lo stesso inquilino dell’Eliseo ha annunciato che le banche francesi saranno obbligate e rendere note, con cadenza annuale, tutta una serie di informazioni sensibili come la liste delle filiali in qualsiasi paese e il genere di attività che tali filiali svolgono. Hollande ha inoltre affermato che è sua intenzione inasprire le pressioni sui paradisi fiscali. Il fine di questo giro di vite, ha detto il presidente francese, sarà quello di “mettere fine al segreto bancario e alla dissimulazione dei beni”. La virata moralizzatrice di Parigi va letta alla luce dello scandalo che ha travolto l’ex ministro del Bilancio Cahuzac e alla pubblicazione di alcuni nomi di illustri cittadini europei e americani (ma non mancano anche gli asiatici) con conti da capogiro in noti paradisi fiscali (Offshoreleaks, primi nomi dello scandalo fiscale mondiale).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economie Europa