Lockdown a Natale e Regioni a rischio covid dopo le feste

Quali sono le Regioni a rischio alto Covid dopo l'ultimo monitoraggio dell'Iss?

di , pubblicato il
Regole fino al 5 marzo

E’ iniziato il lockdown di Natale, che andrà avanti fino a domenica 27 dicembre e poi ancora dal 31 dicembre al 3 gennaio e i giorni 5 e 6 gennaio. Solo il 28,29, 30 dicembre e il 4 gennaio saranno giorni arancioni con meno restrizioni

Preoccupano i dati per le Regioni, quali sono a rischio?

Nel frattempo preoccupano i dati relativi alle Regioni e i contagi in salita. Come scrive Repubblica, per 10 Regioni si parla di contagi in aumento. Tra queste ci sono il Veneto ma anche la Basilicata che è passata da 448 a 571, la Liguria da 1.880 a 1.927, le Marche da 2.369 a 2.594, l’Emilia Romagna da 10.302 a 10.798, la Lombardia da 14.684 a 15.435, la Sardegna da 1.959 a 2.130, la Valle D’Aosta da 139 a 168, la Calabria da 1.270 a 1.356, il Lazio da 9.022 a 9.361, la provincia di Trento da 1.429 a 1.444 e il Molise da 377 a 385. Dati stabili per Piemonte, provincia di Bolzano, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Abruzzo,Calabria e Sicilia. 

In base ai dati del monitoraggio settimanale che va dal 14 al 20 dicembre, sono risultate in particolare 5 Regioni a rischio alto. Si tratta di Veneto, Marche, Umbria, Liguria e Puglia. Si legge nel report del ministero della Salute come riporta Adnkronos

Nella settimana di monitoraggio si osserva un lieve aumento generale del rischio, con la maggior parte delle Regioni/PPAA con un rischio Moderato o Alto e quattro Regioni a rischio Basso di una epidemia non controllata e non gestibile. In particolare, 5 Regioni (Liguria, Marche, Puglia, Umbria e Veneto), sono classificate a rischio Alto.

Nuove restrizioni dopo le feste?

Fino al 6 gennaio, tutte le Regioni dovranno rispettare le regole a livello nazionale che impone la zona rossa e arancione a date stabilite. Bisognerà vedere dopo il 6 gennaio come si muoverà il Governo e cosa deciderà in base all’Rt di ogni singola Regione e il numero dei contagi. A preoccupare, infatti, è anche la variante inglese che aveva imposto il blocco dei voli dalla Gran Bretagna fino al 6 gennaio ma alcuni casi sono già stati trovati anche in Italia. Il 26 dicembre, infine, sarà il V-Day, la partenza della campagna vaccinale con i primi candidati che riceveranno il vaccino anti-covid.

 

Vedi anche: Lockdown e zona rossa 24 dicembre: attività che restano aperte

[email protected]

Argomenti: ,