L’inflazione in crescita a marzo, ma resta negativa: -0,1%, come nell’Eurozona

Inflazione in crescita a marzo, ma resta negativa su base annua: -0,1%, ma +0,1% sul mese di febbraio.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Inflazione in crescita a marzo, ma resta negativa su base annua: -0,1%, ma +0,1% sul mese di febbraio.

Continua la risalita dell’inflazione in Italia, che a marzo vede l’indice dei prezzi in calo dello 0,1% su base annua, ma in crescita dello 0,1% su febbraio. Il mese scorso, i prezzi erano scesi dello 0,2% tendenziale e a gennaio dello 0,6%. Secondo L’Istat, l’inflazione acquisita nei primi 3 mesi dell’anno è del -0,1% (-0,2% a febbraio), nel senso che questo sarebbe il dato del 2015, se nei restanti 9 mesi si registrassero variazioni congiunturali tutte nulle. Al netto degli alimentari freschi e dei beni energetici, l’inflazione di fondo scende allo 0,4% dallo 0,6% di un mese fa, al netto dei soli beni energetici allo 0,5% dallo 0,7%. Anche nei 19 paesi dell’Eurozona si è registrata per l’Eurostat un’accelerazione dei prezzi, in calo su base annua a marzo dello 0,1%, come  in Italia, dopo il -0,3% di febbraio e il -0,6% di marzo. La maggiore crescita annuale dei prezzi si è registrata nel settore dei servizi, pari al +1% dal +1,2% di febbraio. La lenta risalita dei prezzi sarebbe frutto del varo del “quantitative easing”, che insieme agli altri stimoli monetari della BCE hanno indebolito l’euro, aumentando il costo dei beni importati. Ha contribuito probabilmente anche il rimbalzo delle quotazioni del petrolio tra gennaio e febbraio, anche se a marzo si è avuto un nuovo ripiegamento, i cui effetti potrebbero essere notati in aprile. D’altronde, il governatore della BCE, Mario Draghi, ha già avvertito che i prezzi saranno deboli o ancora in calo anche nei prossimi mesi.   APPROFONDISCI – BCE, Draghi: inflazione rivista in calo a 0,1% nel 2015, il QE parte il 9 marzo    

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Inflazione