L’evasione fiscale e la cantonata del presidente Mattarella sulle tasse

L'evasione fiscale è realmente il male dell'Italia? Il discorso di fine anno del presidente Sergio Mattarella farebbe propendere per il sì, ma i dati dimostrerebbero altro.

di , pubblicato il
L'evasione fiscale è realmente il male dell'Italia? Il discorso di fine anno del presidente Sergio Mattarella farebbe propendere per il sì, ma i dati dimostrerebbero altro.

Nel suo discorso di fine anno, il presidente Sergio Mattarella ha citato l’evasione fiscale tra i mali, che frenerebbero la crescita dell’economia italiana, riferendosi a uno studio pubblicato da Confindustria, secondo cui l’economia sommersa sottrarrebbe alle casse dello stato 122 miliardi di euro all’anno, pari al 7,5% del pil. Nell’interpretazione del capo dello stato, se tutti pagassero le tasse, pagheremmo di meno.

Non solo: sempre citando lo studio di Viale dell’Astronomia, ha affermato che l’evasione fiscale farebbe venire meno 300 mila posti di lavoro. Ora, fatto salvo che pagare le tasse è un obbligo previsto dalle leggi e, in quanto tale, deve essere rispettato e sanzionata la mancata osservanza, ci concentreremo qui su un piano diverso da quello giuridico, ossia economico. L’ex ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, era solito dire che quando a non pagare le tasse è un’ampia fetta della popolazione, il fenomeno non è più penale, bensì sociale. Il senso di questa affermazione ce la spiega forse meglio una battuta dell’economista Milton Friedman, padre del monetarismo, che negli anni Ottanta definì “giusta” l’evasione fiscale in Italia, in quanto reazione dei contribuenti all’inefficienza dei loro malgoverni. Ma già alcuni decenni prima era stato un italiano e, addirittura, un futuro capo dello stato, Luigi Einaudi, a “benedire” il mancato pagamento delle tasse da parte di molti italiani, considerandolo una reazione alla cattiva gestione della spesa pubblica.        

Italiani pagano già troppe tasse

Diremmo che sull’evasione fiscale si giochi un dibattito a distanza di 70 anni tra Einaudi e Mattarella, il primo seguace del pensiero liberale, il secondo evidentemente no. L’impostazione dell’attuale capo dello stato è quella che va per la maggiore tra i media e il ceto politico italiano, che ci ripetono a ogni piè sospinto che gli italiani avrebbero il vizio di non pagare le tasse, caricando la pressione fiscale su quelli più onesti. Si tratta di un’affermazione, sconfessata dai dati. I contribuenti del Bel Paese sono da anni proprio i più tartassati d’Europa e al mondo.

Secondo l’ultimo rapporto annuale della Banca Mondiale, realizzato in collaborazione con Pwc, l’Italia si colloca al 137-esimo posto su 189 paesi al mondo per convenienza fiscale riguardo alle imprese. La tassazione complessiva, gravante sui loro redditi, è pari al 64,8%, quando la media mondiale è del 40,8%, attestandosi al primo posto in Europa. E non solo il Fisco italiano è più sanguinario, ma anche più farraginoso. Servono 269 adempimenti all’anno per essere in regola in Italia, contro una media mondiale di 261 e di 173 in Europa. La pressione fiscale generale si attesta nel nostro paese sopra al 43% contro una media di circa il 40% nella UE. Ma le distanze con il resto d’Europa aumenterebbero vertiginosamente, se si considerasse solo l’economia ufficiale e non quella sommersa: a quel punto, l’incidenza delle tasse sui redditi schizzerebbe al 52,2%, 2 punti in più che in Danimarca.        

Pagare tutti per pagare meno, ma è vero?

Ora, i sostenitori del “pagare tutti per pagare meno” potrebbero ribattere che se almeno parte dei 122 miliardi sottratti ogni anno al Fisco fosse recuperata, si avrebbero maggiori risorse con le quali abbattere le tasse per tutti. Ma ci credete davvero? Un altro politico ed economista, Renato Brunetta, ha dichiarato in più di un’occasione che sarebbe un’evidenza in Italia che lo stato più incassa e più spende. Il problema non evidenziato dal presidente Mattarella e che pochi giornalisti, economisti e politici sottolineano nel nostro paese ruota tutto intorno a questo punto: sarebbe realmente in grado lo stato italiano di limitare la spesa pubblica, nel caso in cui aumentassero le entrate? Ovvero, immaginiamo che magicamente nessuno evadesse più le tasse. Il Tesoro registrerebbe a fine anno incassi per 122 miliardi in più. Ciò annullerebbe il deficit e porterebbe i conti pubblici in attivo di quasi il 5% del pil. Ebbene, credete per caso che il governo (quale che sia) sarà in grado di resistere alle sirene di quanti chiederanno più investimenti nelle infrastrutture, aumenti degli stipendi pubblici, crescita della spesa sanitaria, per la scuola, etc.

? Alla fine, è probabile che al capitolo della riduzione delle tasse andrebbero spiccioli, mentre la gran parte del maggiore gettito sarebbe destinata a finanziare voci di spesa. Saremmo punto e a capo.        

Evasione fiscale è voto di sfiducia degli italiani verso i politici

Non ultimo, resta da affrontare un argomento spinosissimo per i politici, ma centrale nel dibattito: l’evasione fiscale è un voto di sfiducia dei contribuenti verso i loro rappresentanti. Quando una larga fetta della popolazione non paga le tasse, non può il solo malcostume spiegare le ragioni di questo comportamento di massa. E’ noto, ad esempio, come l’evasione sia più alta al Sud che al Nord, a conferma finanche del disgusto che i cittadini meridionali nutrono nei confronti delle classi politiche locali, non certo un baluardo dell’efficienza amministrativa. Ai contribuenti, in uno stato di diritto, non può essere chiesto di pagare le tasse, in quanto dovere in sé, ma in cambio dell’erogazione di servizi. E’ proprio questo legame flebile tra tasse e servizi a rendere l’evasione fiscale in Italia così accettabile e non riprovevole per la stragrande maggioranza degli italiani, la quale è consapevole che un euro in più pagato allo stato non equivarrebbe automaticamente a un euro in più in servizi diretti o indiretti alla cittadinanza. Infine, siamo così sicuri che un tasso inferiore di evasione fiscale creerebbe nell’immediato più ricchezza? E’ evidente che non tutta l’economia sommersa potrebbe emergere e tradursi in economia ufficiale. Un artigiano, magari pensionato, che trascorre ancora qualche ora al giorno presso la sua attività a costruire sedie per arrotondare a fine mese, se fosse costretto a pagare le tasse, quasi certamente rinuncerebbe anche solo ad alzarsi la mattina per andare a lavorare. Risultato: lo stato non incasserebbe ugualmente un euro in più, mentre in circolazione ci sarebbe un po’ di reddito in meno, con il quale si alimentano i consumi, sui quali si pagano le imposte.

       

Meno evasione, più crescita?

  Altro che stimolo per l’economia. Se l’evasione fosse contrastata in maniera draconiana, si rischierebbe un tracollo dei consumi e della produzione. D’altronde, i dati ci segnalano negli ultimi anni che la “ferocia” mostrata dall’Agenzia delle Entrate con l’arrivo al governo dei tecnici nel 2012 si è accompagnata a una contrazione del pil, oltre che a un aumento paradossale della stessa evasione fiscale. Non è forse anche per questo che il limite all’uso del contante è stato alzato dal governo Renzi da 1.000 a 3.000 euro? Sarebbe meglio che il capitolo dell’evasione fiscale fosse affrontato con una visione più ampia di quella tipicamente ristretta e ipocrita del politico. Il presidente Mattarella voleva richiamare al vincolo di solidarietà, che lega o dovrebbe legare tutti gli italiani. E’ stato un discorso alto, sincero, umano, diretto. Solo su questo tema, forse, non ineccepibile.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,
>