Le entrate tributarie crescono di 10 miliardi nei primi 9 mesi, +3,4% su base annua

Entrate tributarie n crescita di quasi 10 miliardi nei primi 9 mesi dell'anno.

di , pubblicato il
Entrate tributarie n crescita di quasi 10 miliardi nei primi 9 mesi dell'anno.

Numeri positivi per le entrate tributarie, che nei primi 9 mesi dell’anno sono cresciute di 9,862 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2014, attestandosi a 301,137 miliardi e segnando un aumento percentuale del 3,4%. Le cifre sono del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che rilevano un buon gettito derivante dalle imposte dirette, complessivamente pari a 163,998 miliardi, in crescita del 5,6% (+8,738 miliardi). Lieve la crescita delle imposte indirette, pari allo 0,8% (+1,124 miliardi) a 137,139 miliardi. Nel dettaglio, le entrate Irpef crescono del 6,5% (+7,7 miliardi), anche se la crescita effettiva sarebbe del 2,2% (+2,098  miliardi), depurando il gettito dalle componenti non di competenza del periodo in esame. Il gettito Ires cresce dell’1,3% (+215 milioni). Le entrate da giochi crescono dello 0,8% (+73 milioni). E’ boom (+64,9%, +813 milioni) per le imposte sostitutive sui redditi da capitale e sulle plusvalenze, oltre che sugli attivi dei fondi pensione, ma in questo caso il dato in crescita è dovuto all’aumento delle aliquote dal 20% al 26% per i primi e dall’11,5% al 20% per i secondi. Per le imposte indirette, il gettito IVA aumenta di 2,7 miliardi (+3,5%), segnando una crescita per gli scambi interni (+4 miliardi) e un calo di 338 milioni per quelli extra-UE (-338 milioni). Le accise sui prodotti petroliferi, oli minerali e gas metano hanno esitato un gettito in calo di 1,8 miliardi. Considerando che la crescita del pil nel periodo è stata notevolmente più bassa e che l’inflazione si è aggirata intorno allo zero, la crescita delle entrate tributarie nel periodo gennaio-settembre 2015 si traduce in un aumento della pressione fiscale.    

Argomenti: