Lavoro, l’Intelligenza Artificiale fa paura: 7 su 10 cambieranno lavoro

L'intelligenza artificiale cambierà il mondo del lavoro: milioni di cittadini perderanno il posto di lavoro a causa dell'evoluzione tecnologica.

di Chiara Lanari, pubblicato il
L'intelligenza artificiale cambierà il mondo del lavoro: milioni di cittadini perderanno il posto di lavoro a causa dell'evoluzione tecnologica.

Nel corso dell’ultimo Forum di Davos, nota località svizzera, c’è stato spazio anche per l’Intelligenza Artificiale e il suo ruolo nell’economia nei prossimi anni. Non un’analisi su base decennale, ma una visione di breve termine. Se pensiamo che l’AI si limiti a rispondere alle domande che poniamo al nostro telefono siamo fuori strada. L’Intelligenza Artificiale, applicata nel mondo del lavoro, va intesa come tutta una serie di automazioni che vanno a sostituire l’opera dell’essere umano, rendendola di fatto inutile. Una transizione, quella che ci attende nei prossimi anni, estremamente complessa soprattutto per l’uomo, vittima sacrificale di un mondo che potrebbe viaggiare a velocità quadrupla rispetto a quello che conosciamo oggi.

Come l’intelligenza artificiale cambierà il mondo del lavoro

In un documento oggetto di dibattito nel corso del Forum di Davos, è stato sottolineato come nei prossimi anni sette lavoratori su dieci cambieranno completamente lavoro a causa della diffusione dell’Intelligenza Artificiale su vasta scala. Uno scenario a cui oggi nessuno è preparato e che dovrebbe invece interessare milioni di persone, se è vero, secondo uno studio condotto dalla Boston Consulting che nei prossimi 10 dieci oltre 1,5 milioni di cittadini americani perderanno il proprio posto di lavoro a causa dell’evoluzione tecnologica. Una contraddizione storica e sociale allo slogan America First più volte espresso da Donald Trump sia in campagna elettorale che una volta divenuto Presidente degli Stati Uniti d’America.

I robot uccideranno milioni di posti di lavoro secondo Jack Ma

Grazie ai robot lavori migliori?

C’è un secondo lato della medaglia, che vorrebbe presentarsi migliore rispetto al primo. Coloro che saranno costretti a cambiare lavoro ne troveranno uno migliore, si legge nel documento presentato all’ultimo Forum di Davos. Se ciò corrisponde a una verità o mezza verità lo sapremo presto. Intanto, qui in Italia, c’è già un esempio di connivenza tra Intelligenza Artificiale e lavoratori. Per trovarlo, non dobbiamo neanche andare troppo lontani: stabilimento Amazon di Passo Corese, in provincia di Rieti. Sì, Amazon.

Amazon: dopo il negozio senza cassa arrivano i robot che cancelleranno la figura del lavoratore maratoneta

Leggi anche: Lavoro e Intelligenza Artificiale: previsti 2 milioni di posti in più entro il 2025

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia, Economia USA

I commenti sono chiusi.