ECONOMIA USA

Lavori in crescita: l’erbarista, il sommelier della marijuana legalizzata – quanto si guadagna?

Una professione in grande crescita (negli USA, ovviamente) è il sommelier della marijuana legalizzata. Una professione di responsabilità.

di Carlo Pallavicini, pubblicato il
Una professione in grande crescita (negli USA, ovviamente) è il sommelier della marijuana legalizzata. Una professione di responsabilità.

Negli USA, dove la marijuana anche se non è stata legalizzata a livello federale lo è di fatto in molti Stati, si sta facendo avanti una nuova professione: si tratta di una sorta di sommelier dell’erba, capace di dare il consiglio giusto sulle diverse qualità a seconda di una serie di parametri. Del resto, come i bar hanno i baristi con i quali ci si può soffermare a chiacchierare sui differenti cocktail, come i negozi di abbigliamento hanno commessi e commesse che danno suggerimenti e consigli su cosa acquistare, nei negozi americani dove si vende la marijuana si troverà un’erbarista (traduzione un po’ goffa) che può dare utili consigli sull’uso più equilibrato per il proprio stile di vita e le proprie abitudini.

Qui, ‘La marijuana costa troppo poco’: la polemica e l’ombra delle multinazionali.

Il sommelier della marijuana legalizzata: una professione in forte crescita

Si tratta, secondo un report pubblicato su LA Weekly, di una professione in forte crescita tra coloro che cercano un primo impiego. Sul noto sito internazionale Business Insider, è stata pubblicata l’intervista a una sommelier di marijuana che lavora in un negozio di lusso a San Francisco: sì, perché negli States, dove tutto si gerarchizza, esistono già ‘canapai di lusso’ e ‘canapai popolari’. Ebbene, l’erbarista dice immediatamente all’intervistatore che la sua scelta di abbandonare il vecchio lavoro per diventare sommelier di marijuana è venuta perché le interessava fare qualcosa per aiutare la gente. Sì, proprio così. Continua dicendo che a fine giornata è contenta perché ha aiutato una persona a dormire meglio, un’altra, magari ‘malata’, a soffrire di meno e così via.

Una bizzarra vicenda – Fumare erba in una città della marijuana? Ecco la meta per i turisti delle canne.

Un’erbarista deve avere una conoscenza approfondita di tutti i prodotti, ergo deve averli consumati e conoscerne a menadito gli effetti. Un sommelier di marijuana, quando si entra in un ‘canapaio’, di solito chiede immediatamente la tipologia di effetto che si richiede: la composizione chimica delle differenti varietà produce effetti differenti, la sativa aiuta per il running ad esempio, mentre la indica è adatta per i videogame. Un bravo erbarista deve anche saper consigliare le quantità adeguate e le qualità adatte, a partire dalle abitudini d’uso del cliente.

Ma quanto guadagna un’erbarista negli USA? Nella zona di Barabry Cost a San Francisco, si parte da 17 dollari all’ora: dopo due mesi, si ha la possibilità di accedere ai benefici sanitari, e, dopo un anno di lavoro, qualora si crescesse professionalmente (vi sono anche percorsi di formazione!), si arriva a 20 dollari all’ora.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia USA

I commenti sono chiusi.