Lavoratori Zara in sciopero contro stipendio e sfruttamento: che cosa è successo

Facchini Zara in protesta a causa delle condizioni di lavoro. Lo slogan no lavoratori in affitto.

di , pubblicato il
Facchini Zara in protesta a causa delle condizioni di lavoro. Lo slogan no lavoratori in affitto.

I lavoratori della logistica di Zara hanno scioperato durante la giornata di ieri e i negozi hanno rischiato di rimanere vuoti. A protestare sono stati i facchini contro lo stipendio minimo e lo sfruttamento. 

Le condizioni di lavoro dei facchini Zara

Come scrivono milanotoday.

it e romatoday.it, i dipendenti che si occupano del magazzino e carico scarico merci per la nota catena spagnola hanno organizzato un sit in di protesta per denunciare le condizioni di lavoro a cui sono costretti. In particolare lamentano stipendi al minimo e sfruttamento, come riporta today.it: “Ogni giorno subiamo condizioni lavorative pessime. Ora vogliono farci passare sotto il controllo dell’agenzia interinale Manpower, il che significa precarizzarci ulteriormente”. 

I lavoratori, in particolare, lamentano il precariato a cui sono obbligati da anni nonostante Zara abbia fatturato due anni fa 18 miliardi di dollari. La loro paura è quella di venire ulteriormente declassati e con meno tutele. Lo scorso anno i facchini avevano ottenuto il contratto nazionale della logistica ma a quanto pare il timore più grande è quello di dover tornare indietro. 

Lo slogan no lavoratori in affitto

Lo sciopero era già iniziato giovedì scorso e ieri i lavoratori hanno replicato nuovamente rischiando di svuotare i negozi a Milano e Roma, punti focali della protesta. Gli addetti al magazzino sembrano ormai convinti a portare avanti una battaglia per evitare di diventare lavoratori interinali e vedersi dimezzata la busta paga. Alberto Violante, sindacalista del coordinamento di Roma di SI Cobas, ha riferito a romatoday che “Zara ha proposto un contratto di staff leasing: ossia lavoratori interinali ‘affittati’.” Le conseguenze, insomma, sono la perdita della stabilità e buste paga leggere rispetto a quelle attuali. A Torino, dove il cambiamento è già avvenuto, alcuni hanno segnalato buste paga da 1600 euro a 900 euro, ha fatto notare ancora Violante. E non sembra finire qui: il rischio è di passare al contratto del  commercio con la perdita delle indennità. A Roma la protesta si è svolta davanti allo store di Zara in via del Corso dove sono stati distribuiti volantini da consegnare poi alla cassa con lo slogan citato.

La vicenda sicuramente non terminerà qui.

Leggi anche: Air italy in liquidazione: cosa succede a chi ha un biglietto, caos per 1.500 dipendenti

 

Per rettifiche, domande, informazioni o comunicati stampa scrivete a [email protected]

Argomenti: ,