L’austerità arriva in Russia, nel mirino pensioni e stipendi pubblici

La Russia potrebbe varare misure di austerità per contenere il deficit pubblico. Tra le misure al vaglio c'è quella di innalzare l'età pensionabile e di tagliare l'indicizzazione di stipendi pubblici e pensioni.

di , pubblicato il
La Russia potrebbe varare misure di austerità per contenere il deficit pubblico. Tra le misure al vaglio c'è quella di innalzare l'età pensionabile e di tagliare l'indicizzazione di stipendi pubblici e pensioni.

Anche la Russia parla di austerità. L’economia del paese è in recessione, a seguito del dimezzamento delle quotazioni del petrolio, che qui rappresenta quasi la metà delle entrate statali, oltre che per le tensioni con l’Occidente sul caso Ucraina, che hanno portato alla comminazione di sanzioni finanziarie contro Mosca da parte di USA e UE, oltre che a una fuga dei capitali. A fronte della crisi dei prezzi energetici, il rublo ha perso il 46% nel 2014, ma quest’anno aveva recuperato fino alla metà di maggio, quando il cambio con il dollaro si era portato a 49,22. Nel dicembre scorso era sprofondato al record di 80. Attualmente, il rapporto tra le due valute è di 65,436, sostanzialmente stabile su base mensile, ma ancora in calo del 2,3% dall’inizio del mese.   APPROFONDISCI – https://www.investireoggi.it/economia/la-crisi-valutaria-dilaga-dallargentina-alla-russia-passando-per-turchia-e-kazakistan/  

La crisi del rublo ha dato una mano al bilancio federale

Grazie all’indebolimento del rublo, il cui cambio è stato reso flessibile dalla Banca di Russia, sin dal novembre scorso, il governo federale ha potuto attutire i contraccolpi sul bilancio pubblico. Resta il fatto, però, che il 2014 aveva chiuso con un deficit dello 0,5% del pil, mentre nei primi 8 mesi dell’anno, il disavanzo fiscale risulta salito al 2,8% e il Ministero delle Finanze stima un dato al 3,7% per l’intero anno. Non si tratta di cifre affatto drammatiche, specie considerando che al netto del fondo sovrano da 75 miliardi di dollari, il debito pubblico russo si attesta a poco più del 10% del pil, percentuali da sogno per un paese europeo. Eppure, replicando una proposta di questa estate, gli esperti delle Finanze hanno tenuto ieri una riunione per presentare alcune misure, volte a ridurre la spesa pubblica.

  APPROFONDISCI – https://www.investireoggi.it/economia/russia-crollano-consumi-e-salari-reali-a-luglio-il-peggio-potrebbe-ancora-arrivare/  

Arriva l’austerità

Tra i provvedimenti, spicca quello per innalzare l’età pensionabile di 6 mesi o 1 anno a 65 anni almeno. In 3 anni, i risparmi ammonterebbero per lo stato a 620-1.300 miliardi, ovvero a 9,5-19,9 miliardi di dollari. Le pensioni sarebbe indicizzate non più al 4,5% annuo, ma al 4%, mentre l’assegno potrebbe essere sospeso a chi lavora e guadagna 500 mila rubli. Infine, si prevederebbe un  taglio delle indicizzazioni per gli stipendi dei militari e degli altri dipendenti pubblici. Dunque, la Russia va verso il varo di misure di austerità, quando mancano pochi mesi al rinnovo della Duma e alle successive elezioni presidenziali. L’economia dovrà digerire probabilmente anche una nuova stretta monetaria nei prossimi mesi, se le quotazioni del greggio non si risolleveranno e se l’inflazione nel paese continuerà a sostare a livelli quasi quadrupli del target del 4% fissato dalla banca centrale. Dall’inizio dell’anno, il governatore Elvira Nabiullina ha tagliato i tassi di 600 punti base, ma nell’ultima riunione dell’11 settembre scorso li ha tenuti invariati, segnalando i rischi al rialzo dell’inflazione, frutto della debolezza del rublo.   APPROFONDISCI – https://www.investireoggi.it/economia/la-banca-di-russia-tiene-i-tassi-fermi-ma-il-rublo-continua-a-cedere/    

Argomenti: ,