L’annuncio del governo Conte contro il Canada minaccia la UE, vendetta di Trump?

L'Italia non ratificherà il CETA, l'accordo di libero scambio con il Canada. Dietro all'annuncio shock potrebbe celarsi un'intesa tra il governo Conte e l'amministrazione Trump.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
L'Italia non ratificherà il CETA, l'accordo di libero scambio con il Canada. Dietro all'annuncio shock potrebbe celarsi un'intesa tra il governo Conte e l'amministrazione Trump.

L’Italia non ratificherà l’accordo di libero-scambio tra Canada e UE, noto anche come CETA (“Comprehensive Economic and Trade Agreement”). Lo ha dichiarato poco fa in un’intervista a La Stampa il ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio, che ha giustificato la richiesta al Parlamento di votare contro con la necessità di tutelare i prodotti agricoli italiani, in conseguenza del fatto che sarebbero poche le Denominazioni di Origine Protetta (DOP) e le Indicazioni Geografiche Protette (IGP) a tutela del Made in Italy, anche se da Bruxelles hanno sempre fatto notare come i prodotti italiani tutelati risultino numericamente più di tutti, ovvero ben 41 su 143.

Accordo UE-Canada positivo per il Made in Italy, ecco perché ci conviene

Sarà, ma senza la ratifica dell’Italia, verrebbe meno l’unanimità richiesta per fare entrare in vigore l’accordo, che ha necessitato di ben 7 anni di trattative tra Ottawa e Commissione europea per essere siglato. E all’indomani dal referendum sulla Brexit, il governo tedesco chiese e ottenne proprio che la ratifica avvenisse da parte di tutti i governi, oltre che dell’Europarlamento, al fine di sottrarre la materia ai soli commissari, il cui operato veniva bocciato dall’allora ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble.

C’è dietro Trump?

Senonché, l’annuncio di Roma rischia di creare ulteriori tensioni con Bruxelles, anche se il ministro Centinaio sostiene di farsi interprete di dubbi non solo della Lega, bensì pure di “diversi altri leader europei”. Vero, ma bisogna vedere quanti effettivamente bocceranno l’intesa. L’Italia esporta verso il Canada merci e servizi per un valore di 5,1 miliardi all’anno, importandone per 1,9 miliardi, registrando così un surplus di oltre 3 miliardi, quasi lo 0,2% del nostro pil. Dunque, l’abbattimento del 98% dei dazi tra Canada e UE teoricamente sosterrebbe gli interscambi commerciali e sarebbe in grado di potenziare le nostre esportazioni. Per contro, l’ingresso di merci a basso costo dal Canada minaccerebbe i nostri surplus, anche se dallo stesso Centinaio si riconosce che il CETA favorirebbe la nostra industria.

Accordo UE-Canada non ancora certo, adesso rischia il “nein” della Germania

Per il premier canadese Justin Trudeau si tratta di un secondo duro colpo in pochi giorni, dopo che già è reduce da un G7 disastroso tenutosi proprio in Canada e che lo ha visto protagonista di una lite furibonda con il presidente Donald Trump sulla questione dazi, con tanto di minacce esplicite di quest’ultimo via Twitter sui commerci con gli USA e di cui vi abbiamo dato conto ieri con un articolo, in cui abbiamo evidenziato i rischi per l’economia canadese (Leggi: I rischi per il Canada da una guerra commerciale con gli USA di Trump). Non è un mistero che il governo Conte sia vicino all’amministrazione Trump e che, sotto sotto, la bocciatura del CETA da parte dell’Italia potrebbe rientrare in una più ampia alleanza tra Roma e Washington per scalfire trattati commerciali di vasto respiro, a cui si oppongono sia la Lega e il Movimento 5 Stelle da un lato, sia Trump dall’altro. E quest’ultimo potrebbe avere concordato con Palazzo Chigi la mancata ratifica del CETA con l’intento di punire l’alleato nordamericano. Se così fosse, sarebbe la conferma di una sinergia tra Italia e USA, che andrebbe oltre il singolo accordo e che riguarderebbe il nostro posizionamento nella politica estera, con l’avvicinamento al Gruppo di Visegrad e l’allontanamento dall’asse franco-tedesco.

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia, Politica, Politica italiana, Presidenza Trump

I commenti sono chiusi.