La verità scomoda per l’Europa sul debito pubblico italiano, esploso per salvare l’Occidente

La verità sul debito pubblico italiano fa male all'Europa, ma sarebbe opportuno ammettere come davvero sia stato costruito negli anni Ottanta e perché demonizzarlo va contro la storia dell'Occidente.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
La verità sul debito pubblico italiano fa male all'Europa, ma sarebbe opportuno ammettere come davvero sia stato costruito negli anni Ottanta e perché demonizzarlo va contro la storia dell'Occidente.

Sono settimane intense per l’Italia sul fronte dei conti pubblici. Il governo Conte, sorretto da Lega e Movimento 5 Stelle, ha fissato inizialmente al 2,4% il deficit-obiettivo per i prossimi 3 anni, sentendosi minacciare dalla UE di bocciatura della manovra di bilancio e accostare il nome dell’Italia dal presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker, alla Grecia. Lo scontro politico durissimo in atto tra Bruxelles e Roma e l’esplosione dello spread BTp-Bund fin sopra i 300 punti base per la scadenza decennale hanno indotto lo stesso esecutivo ad addolcire la manovra, fissando un deficit più basso per il biennio successivo al 2019, ossia al 2,1% nel 2020 e all’1,8% per il 2021. I mercati si sono stabilizzati, ma resta il fatto che i nostri decennali rendono ancora più del doppio degli spagnoli e 6-7 volte in più dei Bund. La paura tra gli investitori è frutto sostanzialmente della mancata “copertura” politica dei nostri conti da parte della UE. L’Italia si mostra isolata e oggetto di dichiarazioni da “bullismo” istituzionale, che non solo stanno aggravando la percezione nel resto del mondo, ma che cozzano palesemente con la storia.

Perché troppo debito pubblico in mani italiane frena la crescita economica 

C’è un ritornello, in parte giusto e in parte volutamente esasperato, che viene ripetuto a ogni occasione di confronto sugli spazi di manovra fiscale richiesti da Roma: l’Italia ha un debito pubblico molto alto e non può permettersi di imitare la flessibilità fiscale concessa agli altri stati dell’area. Giustissimo, ma anche no. I dati percentuali sono effettivamente a noi sfavorevoli, possedendo il terzo debito più alto al mondo, pur non essendo noi la terza economia mondiale. Abbiamo un rapporto debito/pil al 131% contro poco più del 60% della Germania, il 97% della Francia e poco meno del 100% della Spagna. In più, non cresciamo nemmeno quando gli altri corrono. E ancora, spendiamo troppo e male. Su tutto questo, l’Europa ha ragioni da vendere. E, però, servirebbe creare un clima diverso, rassicurante per gli investitori, al fine di abbassare la percezione del rischio e agevolare il risanamento fiscale dell’Italia. Al netto delle tensioni finanziarie di questi mesi, continuiamo a pagare interessi molto più alti di quelli che i mercati chiedono alle altre principali economie e ciò annulla il beneficio di un avanzo primario invidiabile per il resto del mondo. Al netto degli interessi sul debito, chiuderemmo il bilancio in attivo del 2% del pil e negli anni pre-crisi eravamo arrivati al 4-5%, percentuali insostenibili politicamente altrove e un miraggio persino nell’austera Germania.

La storia del decennio folle all’italiana

Intendiamoci, un debito è un debito e va onorato sempre, non certo ripudiato. Serve all’Europa, però, cambiare atteggiamento con l’Italia, non (solo) perché siamo un paese troppo grande per essere salvato, ma anche e, soprattutto, perché bisognerebbe passarsi la mano sulla coscienza e capire le ragioni per le quali questo mostro di 2.300 miliardi di euro sia stato creato. Alla fine degli anni Settanta, il rapporto tra debito e pil nel nostro Paese era ancora al 56%. Nel 1989, un decennio più tardi, risultava esploso a più del 93% e nel 1994 raggiungeva il picco di quasi il 122%. Cos’è accaduto in quello che a tutti gli effetti definiremmo un decennio di pura follia? Per capirlo, dovremmo andare indietro non agli anni Ottanta, bensì a un anno specifico, il 1976. Accadeva che la nostra economia crebbe allora del 6,6%, uscendo da una recessione l’anno prima, causata dalla prima crisi petrolifera del 1973, quando le quotazioni del greggio quadruplicarono e travolsero tutto l’Occidente.

Agli inizi del ’76, la Banca d’Italia registrò deflussi costanti e crescenti di capitali e non riusciva a capirne la ragione fino in fondo. Cosa stava accadendo? Un sondaggio commissionato da Confindustria e fatto circolare tra gli iscritti dava il Partito Comunista in testa sulla Democrazia Cristiana nelle intenzioni di voto degli italiani per le elezioni politiche del giugno successivo. Tra gli imprenditori e i capitalisti fu panico. Chi poté, portò i capitali all’estero, tanto che il governo si vide costretto a imporre controlli sui movimenti finanziari, chiudendo per ben 40 giorni il mercato dei cambi per difendere la lira. A giugno, i risultati elettorali smentirono le attese: il PCI raggiunse il 34,4% dei consensi, ma la DC restò prima con il 37,7%. Il pericolo comunista fu sventato per un pelo, ma l’allarme scattò lo stesso in Europa. Al G7 di luglio, una dichiarazione congiunta firmata dai principali leader dell’Occidente, tra cui gli americani Gerald Ford e Henry Kissinger, il tedesco Helmut Schmidt per la Germania Ovest, James Callaghan per il Regno Unito e Michel Debré per la Francia recitava sostanzialmente così: se il PCI entra nel governo, l’Italia non riceverà alcun tipo di aiuto dall’estero. In sostanza, saremmo stati isolati sul piano economico-finanziario. Erano i mesi in cui il premier Aldo Moro apriva proprio ai comunisti per tentare la formazione di un governo insieme, irritando gli alleati socialisti.

Perché vi parliamo di un apparentemente anonimo 1976? Per una ragione fondamentale: la classe politica comprese, specie dopo il brutale assassinio di Moro di due anni dopo, che il malcontento popolare fosse forte e che bisognasse svoltare. E una politica debole equivale quasi sempre a conti pubblici squilibrati. Così fu. Negli anni Ottanta, l’ascesa del Partito Socialista di Bettino Craxi creò le condizioni ideali, peraltro sotto una presidenza della Repubblica anch’essa socialista con Sandro Pertini, per aprire la strada a governi guidati dalla sinistra, ma al contempo anti-comunisti. Di meglio, l’Occidente non poteva pretendere. Nonostante il boom di consensi per il PCI alle elezioni europee del 1984, quando la DC fu clamorosamente superata, pur più per la commozione dettata dalla morte del segretario Enrico Berlinguer avvenuta nelle stesse settimane, gli anni Ottanta videro proprio il declino dei comunisti italiani, similmente a quelli del blocco sovietico. E ciò fu reso possibile anche e, soprattutto, per via di una politica fiscale espansiva, che pose fine per quel periodo alle proteste sociali, rendendo popolare una classe politica effettivamente alla canna del gas. Del resto, negli anni Sessanta era stata proprio l’America “keynesiana” a mostrarsi irritata con Roma per i conti pubblici tenuti troppo in ordine e tali da fomentare malcontento sociale e ridurre (per gli americani) i benefici del Piano Marshall.

Come la Germania fregò l’Italia pure con la lira negli anni Ottanta

Debito pubblico costo della lotta interna al comunismo

In altre parole, il debito pubblico fu il costo caricato sulle future generazioni dai governi del penta-partito negli anni Ottanta per evitare che l’Italia cadesse nelle mani dei comunisti. Certo, avessero saputo i Craxi e gli Andreotti del tempo che il Muro di Berlino sarebbe caduto di lì a breve e che del Patto di Varsavia non sarebbe rimasto nulla alla fine di quel decennio, forse sarebbe prevalsa in loro e nei rispettivi partiti una maggiore prudenza fiscale. Ad ogni modo, non diciamo che l’Europa dovrebbe ringraziare quell’immensa montagna di debito che sta seppellendo da 30 anni l’economia italiana e crea rischi sistemici nel Vecchio Continente, ma quanto meno dovrebbe evitare di demonizzarlo, capendo che esso sia servito per tenere intatto il blocco occidentale, quello in cui hanno potuto prosperare nazioni come Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, etc. Il costo che i tedeschi hanno dovuto sostenere per risollevare la Germania dell’Est dopo il 1990, noi italiani lo avevamo già pagato nel decennio precedente, al netto delle ruberie di stato, della corruzione dilagante e delle laute mazzette ai partiti.

Dentro a quei 2.300 miliardi c’è di tutto: appalti gonfiati per finanziare i partiti (compreso il PCI), appalti finanziati al solo scopo di spendere e creare lavoro, inefficienze private scaricate sul pubblico, inefficienze statali a carico dei contribuenti, assistenzialismo a piene mani nel Meridione per consentire di sopravvivere a milioni di italiani altrimenti destinati forse alla povertà o all’espatrio, in assenza di una struttura produttiva estesa e robusta. Tutto ciò ha alimentato il consenso per democristiani e socialisti, sottraendolo ai comunisti. Giusto o sbagliato che sia stato, questa è la storia in estrema sintesi del nostro debito pubblico. Capirla sarebbe una grande lezione per Bruxelles, dove ci si renderebbe conto di sbraitare contro un Paese, che non vive sopra le proprie possibilità da diversi decenni e che lo fece negli anni in cui si temette davvero di finire in mano a Mosca. E proprio la Germania, che ha vissuto sofferenze e costi dettati dal comunismo, dovrebbe mostrarsi più ragionevole sulla storia non troppo dissimile di un alleato, che ebbe per mezzo secolo anch’esso un muro al suo interno, seppure non fisico.

E se il debito pubblico italiano fosse più solido di quello francese?

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Debito pubblico italiano, Economia Italia