La profezia di Alan Greenspan: succederà qualcosa di grosso sui mercati

L'ex governatore della Federal Reserve, Alan Greenspan, prevede scossoni violenti sui mercati finanziari con l'inizio della stretta monetaria negli USA.

di , pubblicato il
L'ex governatore della Federal Reserve, Alan Greenspan, prevede scossoni violenti sui mercati finanziari con l'inizio della stretta monetaria negli USA.

Oggi e domani, il governatore della Federal Reserve, Janet Yellen, dovrà relazionare al Congresso USA sulla politica monetaria. E’ considerato uno degli appuntamenti più difficili degli ultimi anni, perché la Yellen dovrà spiegare ai critici la ragione fondamentale per cui non ha ancora alzato i tassi, nonostante la robusta crescita dell’economia americana e il calo della disoccupazione, mentre dovrà rispondere delle critiche opposte di chi teme che l’avvio di una stretta monetaria adesso sarebbe potenzialmente dannosa per la ripresa dell’America. Mentre il dibattito entra nella fase “calda” con l’avvicinarsi della presumibile data della svolta monetaria, s’inserisce involontariamente nella discussione pubblica l’ex governatore della Fed, l’uomo che per quasi 20 anni ha guidato le sorti della banca centrale americana sotto 4 presidenti diversi e che fino al 2006 veniva considerato uno degli uomini più potenti della Terra, nonché un guru fino al 2008, quando esplose la drammatica crisi finanziaria a lui in grossa parte addebitata. Parliamo di Alan Greenspan, Alla veneranda età di 89 anni, l’ex banchiere centrale è lucido come sempre nelle sue analisi. Dopo un periodo di allontanamento dai riflettori pubblici, amareggiato per non essere stato in grado di prevedere la crisi dei mutui subprime e il collasso del sistema finanziario, negli ultimi mesi è tornato a fare sentire la sua voce. E le sue dichiarazioni sono tutt’altro che rassicuranti sul fronte dei mercati finanziari. Un’ultima sua analisi viene fornita indirettamente tramite l’analista Brien Lundin, il quale con lui ha partecipato alla New Orleans Investment Conference di recente. In privato, Lundin gli ha chiesto sulla situazione del debito in America e sul mercato dell’oro e pare che Greenspan gli abbia risposto che “accadrà qualcosa di grosso sui mercati (“a big market event”)”, sostenendo che non si può pensare di uscire dall’era dei tassi zero e della politica monetaria ultra-accomodante senza conseguenze. Alla domanda su come veda le quotazioni dell’oro tra 5 anni, Greenspan avrebbe risposto “di gran lunga più alte”, proprio in relazione a un ipotetico tracollo dei mercati finanziari. Quest’ultima previsione, spiega Lundin, sarebbe legata anche al trend del dollaro, poiché l’ex numero uno della Fed avrebbe notato un andamento parabolica del biglietto verde negli ultimi mesi, concludendo che quando ciò accade per qualsiasi mercato, si arriva sempre a una svolta violenta. Dunque, nell’ordine, Greenspan prevederebbe tali scenari: rialzo dei tassi  – crac dei mercati finanziari e fuga dal dollaro – corsa all’oro. In termini meno apocalittici è lo stesso timore ventilato dalla Yellen anche nell’ultimo board di fine gennaio, come risulta dai verbali.   APPROFONDISCI – Greenspan lancia l’allarme: le bolle scoppiano sempre, attenti ai debiti Alan Greenspan: preparatevi all’uscita della Grecia dall’euro, la moneta unica crollerà    

Argomenti: