La magica Roma batte il Barça e vola in semifinale di Champions, ecco quanto vale la “romuntada”

L'approdo clamoroso della Roma alle semifinali di Champions League vale parecchi soldi per i giallorossi. Vediamo meglio le cifre.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
L'approdo clamoroso della Roma alle semifinali di Champions League vale parecchi soldi per i giallorossi. Vediamo meglio le cifre.

Serviva il miracolo ed è arrivato. La Roma di Eusebio Di Francesco è tornata ad essere magica e ha incantato i 58.000 tifosi che sono accorsi ieri a seguirla allo stadio Olimpico nell’impresa titanica di rimontare il pesante risultato di andata ai quarti di Champions League contro il Barcellona di 4-1. Erano ben 3 le reti che dovevano essere segnate senza incassarne alcuna e quando il direttore di gara, il francese Clément Turpin, ha fischiato la fine della partita al 90-esimo minuto, proprio 3-0 è stato il risultato che è apparso agli occhi del popolo giallorosso sul maxi-schermo, grazie a un goal di Dzeko, un rigore calciato da Daniele De Rossi e il terzo goal decisivo di Manolas su calcio d’angolo. Un incubo per i catalani, che erano arrivati nella capitale italiana per suonare e sono tornati a casa suonati. Lionel Messi è stato impalpabile, a tratti irascibile come forse non lo abbiamo visto mai, segno di un nervosismo che è montato nell’arco dei 90 minuti di gioco per una vittoria, che da certa per il Barça è via via sfumata, fino a spegnersi del tutto.

Roma travolgente in Champions, le reazioni su Twitter degli altri club italiani

Ma quando parliamo di calcio, non ci sono di mezzo solo sogni, ma solide realtà, come dice un famoso spot. E l’approdo in semifinale per la Roma diventa una notizia particolarmente interessante sul piano finanziario. Il solo fatto di arrivarci consente al club di incassare con certezza altri 7,5 milioni di euro come premio UEFA, che si aggiungono ai circa 71 milioni già messi in cascina per la partecipazione alla Champions di questa stagione, tra premi di partecipazione (25,2 milioni), market pool (40,3 milioni) e bonus di performance (5,5), senza nemmeno considerare gli incassi da stadio.

Maggiori incassi per 20-22 milioni

Non ci sono solo i premi di partecipazione, tuttavia, bensì pure i ricavi del market pool. Trattasi della fetta degli incassi dei diritti TV, che la UEFA assegna alle squadre sulla base della federazione nazionale di appartenenza. Più sono le altre squadre della stessa federazione a disputare le gare, minore la quota spettante. Pertanto, la Roma guadagnerà di più, se la Juventus stasera fosse eliminata dal Real Madrid (3 a 0 per gli spagnoli all’andata a Torino), restando la sola a giocare le due prossime partite della semi-finale; guadagnerà un po’ meno nel caso, invece, in cui anche i bianconeri restassero in gara. La differenza non sarà eclatante: nel primo caso, gli incassi attesi sono di 2,4 milioni, nel secondo di 0,8 milioni.

UEFA contro FIFA a tutela della Champions League contro la super Coppa del Mondo per Club

Non è ancora finita, perché ci sono da considerare gli incassi allo stadio Olimpico, che ieri dovrebbe avere registrato un record, superando il precedente di 3,7 milioni, quando il club giallorosso giocò in casa contro il Bayern Monaco nella fase a gironi del 2014/2015 di Champions. E’ probabile che ieri sera si siano toccati i 4 milioni e possiamo immaginare che la prossima gara voli anche oltre. A conti fatti, la semifinale varrà per la Roma qualcosa come circa 12,5-14,5 milioni di euro. Per una società, che ha chiuso la scorsa stagione con un fatturato di appena 175 milioni, che in borsa capitalizzava al termine della seduta di ieri 193 milioni e che resta alle prese con le limitazioni legate al “fairplay” finanziario, non sono affatto briciole.

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia nel pallone

I commenti sono chiusi.