La Germania rifiuta di dare sollievo alla Grecia mentre il debito va fuori controllo

Schauble in visita blindata ad Atene resta inflessibile sulle politiche fallimentari dell'austerità

di Carmen Gallus, curatrice Dall'Estero, pubblicato il
Schauble in visita blindata ad Atene resta inflessibile sulle politiche fallimentari dell'austerità

Telegraph – Il Ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schäuble, nel suo viaggio blindato ad Atene, ha messo in guardia i leader greci dal giocare col fuoco facendo pressioni per una nuova cancellazione del debito, e ha tacitato chi sostiene che il pacchetto di salvataggio della Grecia sta facendo acqua da tutte le parti.


“La Grecia deve smettere di fare lobby per una seconda ristrutturazione del suo debito. Dobbiamo attenerci a ciò che è stato concordato. Tutto il resto non è nel migliore interesse della Grecia “, ha detto, nel corso di una giornata di scontri politici nella capitale. “Se si prendono degli impegni e poi si discute di un haircut, allora si è dei bugiardi. Così facendo, distruggerete ogni fiducia.”

Schäuble ha ammesso che la Grecia potrà alla fine aver bisogno di un secondo pacchetto di salvataggio, con il debito pubblico che quest’anno salirà al 176% del Pil, superiore al livello del primo default. Il piano di privatizzazioni destinato a ridurre il debito è in fase di stallo. La russa Gazprom si è ritirata da un accordo per acquistare Depa, l’utility del gas greca.

Ma Schäuble ha insistito che parlare di cancellare i debiti coi fondi di salvataggio della UEM o di imporre delle perdite ai contribuenti del nord della zona euro avrebbe un impatto devastante sul sostegno alla Grecia.

 

Le raccomandazioni di Schauble sono arrivate il giorno dopo che il Parlamento greco ha aperto la strada al licenziamento di 25.000 dipendenti statali nel corso dei prossimi due anni – la condizione per i 6,8 miliardi € di nuovi prestiti della Troika UE-FMI-BCE. I licenziamenti rischiano di far salire il tasso di disoccupazione al 30%.


Le manifestazioni sulla strada principale per l’aeroporto di Atene sono state vietate, mentre Piazza Syntagma è stata chiusa per evitare che manifestanti anti-tedeschi portassero svastiche e bandiere naziste davanti al parlamento. 
Schäuble è venuto con la mazzetta di € 100 miliardi di prestiti per le piccole imprese da parte della banca tedesca KfW di proprietà pubblica. Il gesto non è riuscito a placare le voci critiche in Grecia, dove egli è considerato il principale artefice di una politica che ha spinto il paese in una profonda spirale di crisi, al settimo anno di recessione. L’economia avrà una contrazione del 27% dal suo picco entro la fine di quest’anno.

Alexis Tsipras, leader del partito di opposizione Syriza, ha definito la visita del signor Schauble una farsa che ha lo scopo di tenere sotto controllo la crisi fino a dopo le elezioni tedesche di settembre.

Tsipras ha chiesto un voto popolare per decidere se chiedere risarcimenti dalla Germania per la sua occupazione in tempo di guerra, occupazione che ha portato alla morte di 300.000 greci e alla confisca di molti beni.


L’anno scorso il governo ha aperto su questo caso un’inchiesta segreta – una mossa vista come un espediente per dare ad Atene una certa forza contrattuale. Ma il tentativo di collegare le due questioni ha portato ad accuse di ricatto morale da parte dei politici in Germania, e Schäuble ha detto che le riparazioni sono “fuori questione”.

L’economia greca è ancora in una spirale recessiva. Il FMI ha previsto per quest’anno una contrazione del 4.2%. Il think tank greco IOBE – più accurato nelle sue previsioni – si aspetta un calo del 5%, e possibilmente del 7%.

Schäuble ha detto che l’unica opzione per la Grecia è di attenersi a riforme rigorose e ripristinare la competitività tagliando il bilancio. “Non c’è nessuna scorciatoia. Noi tedeschi lo sappiamo. Dieci anni fa eravamo il malato d’Europa. Abbiamo dovuto intraprendere una strada lunga e dolorosa per diventare l’ancora della stabilità in Europa”.


Professore Yanis Varoufakis, d
ell’ Università di Atene, ha detto che il paragone con la Germania confonde due situazioni diverse, e ripete la storia ormai screditata che la crisi dell’Europa ha origine da eccessi di spesa da parte dei paesi del sud, piuttosto che da cicli disallineati e da flussi di capitale in eccesso.


Quando ha fatto i suoicompiti a casa 10 anni fa, la Germania ha potutocavalcare una economia globale in forte espansione. Se ci avesse provato oggi, con il resto della zona euro in implosione, e gli Stati Uniti e la Cina che vacillano, le sue riforme sarebbero finite in rovina, proprio come le nostre“, ha detto.

Prof Varoufakis ha detto che gli investimenti privati sono calati del 22% nel corso degli ultimi 12 mesi e sono ancora in crash. “Il settore bancario è completamente zombificato. Le aziende non possono ottenere prestiti. La catastrofe va avanti, e non c’è assolutamente niente in vista che possa invertire la tendenza” ha detto. La Confederazione del Commercio greca si aspetta che l’economia perda altri 195.000 posti di lavoro quest’anno, con 55.000 piccole aziende che andranno in fallimento.


Il programma della troika per la Grecia ha comportato un’austerità stile FMI, senza la cura FMI della svalutazione, esclusa dalla adesione all’euro.

In un mea culpa reso pubblico in maggio, il Fondo ha confessato di aver violato tre delle quattro linee guida fondamentali che avrebbero dovuto accompagnare il pacchetto di salvataggio dell’UE, e che le misure sono state principalmente progettate per guadagnare tempo per salvare l’euro, piuttosto che per aiutare la ripresa della Grecia.

I membri asiatici del consiglio di amministrazione dell’FMI si lamentano che il Fondo è stato abusato per scopi politici, con la parte del leone delle sue risorse dedicata alla periferia dell’UEM, secondo modalità piuttosto opache.

Come il rapporto del debito andrà ancora una volta fuori controllo, non è chiaro se il Fondo metterà nuovo denaro in Grecia. Un ritiro del FMI potrebbe riportare la crisi greca ad esplodere, costringendo gli stati membri creditori a ripensare la loro strategia.John Petley di International Monetary Research ha detto che la Grecia si starebbe già riprendendo se avesse lasciato l’euro quando è cominciata la crisi. “Ormai probabilmente starebbe esportando e con una dracma più competitiva avrebbe ritrovato la sua strada verso la crescita”, ha detto.

 

Articolo originale: Germany refuses fresh relief for Greeks as debt ratio spirals out of control

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Visti dall`estero

2 Responses

  1. […] quanto odioso sia lo spot elettorale inscenato da Schaeuble in Grecia giusto in questi giorni, va preso per quello che è. Uno spot a […]

  2. INVESTITOR23 scrive:

    Io sento solo una grandissima rabbia contro l’euro che ci hanno imposto e spero che l’Europa fallisca e riprendiamo la sovranita’ monetaria