La Germania non conosce la disoccupazione: record occupati nel 2012

Per il sesto anno consecutivo il numero degli occupati in Germania ha fatto registrare un aumento

di Enzo Lecci, pubblicato il
Per il sesto anno consecutivo il numero degli occupati in Germania ha fatto registrare un aumento

Mentre i paesi periferici dell’Eurozona sono alle prese con il grave flagello della disoccupazione, la Germania, storicamente riconosciuto come la locomotiva d’Europa, ha confermato, nell’anno che si è appena concluso, la sua capacità di creare posti di lavoro. Secondo i dati diffusi dall’Ufficio federale di statistica tedesco, il numero medio di occupati in Germania è stato pari a 41,5 milioni di unità, ben 416 mila unità in più rispetto al 2011. Per il sesto anno consecutivo, quindi,  l’occupazione in Germania ha fatto segnare un incremento.  

Disoccupazione in Germania: il 2012 si chiude con un tasso al 5,3%

Parallelamente il numero dei disoccupati nel 2012 è sceso di 162mila unità con un tasso di disoccupazione al 5,3% contro il 5,7% dello scorso anno. La notizia sarà sicuramente motivo di soddisfazione per la cancelliera Angela Merkel, anche alle luce dell’accesa campagna elettorale in vista delle elezioni politiche. Oltre al dato sulla disoccupazione, oggi dalla Germania sono giunte anche altre indicazioni macroeconomiche. L’inflazione tedesca nel 2012 è cresciuta complessivamente, del 2,1% rispetto allo scorso anno. Limitando il quadro al solo mese di dicembre, l’aumento dei prezzi al consumo è stato pari al 2,1% annuo, mentre su base mensile è stata registrata una crescita dell’1%.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economie Europa

I commenti sono chiusi.