LA FED ALZA I TASSI USA DELLO 0,25%, DECISIONE STORICA

La Fed alza i tassi dello 0,25% e avvia la stretta monetaria negli USA. Decisione storica, che arriva dopo 9 anni e mezzo. Si rafforza il cambio euro-dollaro.

di , pubblicato il
La Fed alza i tassi dello 0,25% e avvia la stretta monetaria negli USA. Decisione storica, che arriva dopo 9 anni e mezzo. Si rafforza il cambio euro-dollaro.

La Federal Reserve ha emanato un comunicato, nel quale annuncia di avere aumentato i tassi USA dello 0,25% al range di 0,25-0,50%. La decisione è stata assunta all’unanimità, tenendo conto dell’outlook economico e del tempo necessario perché le misure di politica monetaria influiscano sui risultati economici. I prossimi rialzi, si legge, saranno “graduali”, dipenderanno dai dati economici e il bilancio dell’istituto rimarrà inalterato fino a quando i tassi non si saranno normalizzati, alludendo al fatto che la Fed non rivenderà i bond acquistati negli anni passati con i 3 cicli del “quantitative easing”, ma dovrebbe persino rinnovarli alla scadenza. L’inflazione monitorata dovrebbe tendere progressivamente al target del 2%, anche se nel 2015 dovrebbe attestarsi allo 0,4%, all’1,3% la componente “core”, quella depurata dalle componenti più volatili (prodotti energetici e alimentari freschi), in calo dall’1,4% delle stime di settembre, ma in accelerazione all’1,9% nel 2016 e al 2% nel 2018. Migliorano le stime sul pil USA per il 2016, ora atteso in crescita del 2,4% (+2,3% stimato a settembre) dal +2,1% di quest’anno (dato invariato rispetto a settembre). La disoccupazione quest’anno si attesterà al 5%, di fatto allo stesso livello previsto dall’istituto nel lungo periodo (4,9%), scendendo al 4,7% nel 2016 e nel biennio seguente. Poco prima dell’annuncio, il cambio euro-dollaro si attestava a 1,0950, in rialzo dello 0,2%.

Il biglietto verde cedeva lo 0,05% mediamente contro le principali valute del pianeta. Subito dopo, l’euro restava sostanzialmente stabile contro la divisa americana, ma col passare dei minuti si è apprezzato dello 0,25% a 1,0958-60, mentre questa si apprezzava mediamente dello 0,31% contro le prime 16 valute mondiali. L’ultima volta che la Fed aveva alzato i tassi era stato il 29 giugno del 2006, ossia 9 anni e mezzo fa. Per quanto attesa, quindi, la mossa di oggi si può definire ugualmente storica, arrivando dopo più di 7 anni di tassi zero, adottati dopo lo scoppio della crisi finanziaria nel settembre del 2008 con il crac di Lehman Brothers.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:
>