La classifica delle economie più competitive 2018 del World economic forum: c’è anche l’Italia ma…

Gli Usa conquistano il primo posto della classifica 2018 delle economie più competitive del World economic forum.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Gli Usa conquistano il primo posto della classifica 2018 delle economie più competitive del World economic forum.

Nella classifica 2018 delle economie più competitive del World economic forum l’Italia è al 31esimo posto. In pole gli Usa.

Le economie più competitive per la quarta rivoluzione

Gli Usa conquistano il primo posto, seguiti da Singapore, Germania, Svizzera, Giappone, Olanda, Hong Kong, Regno Unito, Svezia e la Danimarca. La Francia è 17esima, la Spagna 26esima. Agli ultimi posti i paesi africani, tra cui il Chad, ultimo.

La situazione italiana

La classifica si riferisce a 140 paesi e si basa su alcuni indicatori che fanno capo al ‘Global competitiveness index 4.0′. Il riferimento, dunque, va all’intelligenza artificiale, la digitalizzazione, la robotica e tutto ciò che ha a che fare con l’innovazione senza tralasciare, però, i diritti dei lavoratori. Di questi 140 paesi ben 103 non hanno però raggiunto i punti limite per la capacità di innovare. L’Italia, in tal senso, ha raggiunto il punteggio di 66 ed è 17esima in Europa anche se “resta il paese avanzato con il tasso di crescita piu’ basso, anche se il pil sta crescendo dell’1,5%, il livello più alto dal 2008”.

A pesare nel nostro paese sono la burocrazia, la rigidità del mercato del lavoro e il sistema finanziario ma d’altro lato siamo sesti per la longevità della popolazione, 12esimi per le dimensioni del mercato e 22esimi per la capacità di innovazione. Negli altri indici considerati c’è la nona posizione per le istituzioni di ricerca, settima per le pubblicazioni scientifiche, quarta per l’eccellenza dei distretti. Da migliorare, invece il settore infrastrutture, il training dei lavoratori e lo sviluppo di aziende rivoluzionarie. L’Italia è poi 56esima per le istituzioni, 122esima per il crimine organizzato, 58esima per il debito pubblico. Da notare anche il 114esimo posto legato alla scarsa collaborazione tra lavoratori e datori di lavoro, non brilla neppure per salari e produttività, tassazione sul lavoro e sistema finanziario.

Leggi anche: I paesi più cari del mondo 2018: le città dove la vita costa di più

Le classifica dei paesi dove si lavora meno e si guadagna di più

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia, Economia USA