La BCE annuncia il “tapering”: QE dimezzato da ottobre e cessato dopo dicembre, tassi fermi

La BCE tiene fermi i tassi, ma annuncia il "tapering", ovvero il taglio degli stimoli monetari dopo settembre.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
La BCE tiene fermi i tassi, ma annuncia il

La quarta riunione dell’anno del Consiglio dei governatori della BCE ha deciso oggi di tenere fermi i tassi di riferimento allo 0%, quelli di rifinanziamento marginale allo 0,25% e sui depositi overnight al -0,4%. Al contempo, è stato confermato il piano di acquisti mensili di titoli di stato, Abs, covered e corporate bond per 30 miliardi di euro fino a settembre, mentre tra ottobre e dicembre verrà dimezzato a 15 miliardi e successivamente azzerato. La decisione era nell’aria, anzi si mostra persino un po’ più accomodante delle previsioni, anche se ugualmente il cambio euro-dollaro si è rafforzato all’annuncio fino a toccare 1,1830, segnando pochi minuti prima delle ore 14.00 un +0,26%. Vendite sui bond sovrani dell’area, con i BTp a 10 anni a rendere il 2,97% e i Bund a salire allo 0,52%. Dopo una prima reazione, tuttavia, i rendimenti sono letteralmente crollati rispettivamente fino a un minimo del 2,79% e dello 0,45%. Lo spread tra i due titoli sulla scadenza decennale si restringe così sotto i 235 punti base. Tra poco, la conferenza stampa del governatore Mario Draghi, che si preannuncia la più importante degli ultimi anni.

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bce, Economia Europa, quantitative easing, stimoli monetari