Jobs Acts, voucher e cuneo fiscale: di cosa ha bisogno il lavoro in Italia per ripartire?

L'occupazione in Italia resta al palo, nonostante qualche miglioramento. Tra Jobs Act, cuneo fiscale e polemiche sui voucher, ecco cosa i partiti dovrebbero proporre per incentivare le assunzioni.

di , pubblicato il
L'occupazione in Italia resta al palo, nonostante qualche miglioramento. Tra Jobs Act, cuneo fiscale e polemiche sui voucher, ecco cosa i partiti dovrebbero proporre per incentivare le assunzioni.

Campagna elettorale al via, contenuti ancora zero. Non che a ridosso delle elezioni maturino le condizioni ideali per presentare ai cittadini programmi approfonditi e razionali, ma speriamo che almeno da qui al 4 marzo la stampa italiana trovi nei ritagli di tempo dei suoi mega-direttori lo spirito per incalzare i leaders politici sull’economia, partendo dal mercato del lavoro. Le cifre ufficiali parlano di poco più di 23 milioni di occupati, pari al 58% della popolazione in età lavorativa (15-64 anni), percentuale di gran lunga inferiore al 65-66% medio europeo e che si confronta con il 75% della Germania, tanto per fare un confronto. Se dovessimo tendere alla media UE, avremmo bisogno di creare altri 3 milioni di posti di lavoro, il numero attualmente corrispondente a quello dei disoccupati, che in percentuale restano ancora sopra l’11%, quando la media nell’Eurozona è scesa sotto il 9%.

Negli ultimi anni, la ripresa dell’occupazione è arrivata, ma a passo troppo lento per smaltire l’elevata disoccupazione, che nel 2013 era arrivata all’apice storico del 13%. Tuttavia, le ore lavorate risultano diminuite nel 2017 rispetto al 2008, prima dello scoppio della crisi. Nel primo semestre dello scorso anno, in Italia sono state lavorate 21,7 miliardi di ore contro le 22,8 miliardi di 9 anni prima. Considerando il numero degli occupati, siamo a una media nazionale annua di 1.887 ore, pari a 36,3 ore settimanali, un dato in sé affatto negativo, perché vicino alle 40 ore di un contratto standard full time. Si consideri che i contratti a tempo parziale sono 4,3 milioni, di cui 1,8 milioni involontari, ovvero di lavoratori che vorrebbero lavorare a tempo pieno. In ogni caso, meno di un lavoratore dipendente su quattro lavora part-time, dato in linea con la media europea, anche se bisogna riflettere sul fatto che il fenomeno riguarderebbe essenzialmente le fasce di età più giovani, costrette ad accettare contratti anche “precari”, pur di lavorare.

Il Jobs Act entrato in vigore nel 2015 ha evidentemente fallito l’obiettivo di sostenere l’occupazione nel medio-lungo termine, non perché la riforma in sé sia stata cattiva, ma semplicemente perché a creare lavoro è l’economia e con questa ripresa al rallentatore diventa difficile ipotizzare assunzioni di massa. La misura ha reso più flessibili i nuovi contratti a tempo indeterminato, ma non ha superato la dicotomia tra vecchie e nuove generazioni, né ha scalfito l’elevato peso della tassazione a carico delle imprese, vero disincentivo alle assunzioni. (Leggi anche: Jobs Act, a rischio unica vera riforma di Renzi)

Abbattere il cuneo fiscale

Il cuneo fiscale, la differenza tra ciò che l’impresa paga e ciò che il lavoratore percepisce in busta paga, va abbattuto per tutti i lavoratori, ma il problema sta nel costo: 2,6 miliardi stimati solo per le nuove assunzioni per ogni punto in meno. Eppure, da questa emergenza non si scappa. Servirebbero almeno 10 punti in meno di cuneo fiscale per allinearci alla media europea. Se con una bacchetta magica li si potesse tagliare dalla sera alla mattina, vi sarebbe un boom di assunzioni stabili, un conseguente boom di consumi e il ritorno dell’ottimismo nelle case degli italiani. I vincoli di bilancio non ci consentono forse una simile operazione, almeno non in un’economia come la nostra, dove tagliare la spesa pubblica è più difficile che altrove.

Secondo il responsabile economico di Liberi e Uguali, Stefano Fassina, ex economista del Fondo Monetario Internazionale, il Jobs Act andrebbe cancellato, bisognerebbe ripristinare come modello base per assumere il contratto a tempo indeterminato con i diritti pieni (art.18) e l’occupazione dovrebbe essere sostenuta da un piano di investimenti pubblici. Auguri! (Leggi anche: Tasse sul lavoro troppo alte e occupazione troppo bassa in Italia)

La bufala sui voucher

E i voucher? Il 2017 si apriva con il ritornello sulla loro eliminazione.

La CGIL aveva proposto un referendum per abrogarli e nel tentativo di evitare l’ostacolo, il governo Gentiloni non ha trovato di meglio che di abrogarli per conto suo fino all’estate e successivamente ripristinarli, ma in via molto più restrittiva rispetto ai buoni lavoro precedenti. Di fatto, l’Inps ha stimato nell’80% il crollo nell’utilizzo dei nuovi strumenti, la cui stessa richiesta è diventata più complicata. Gettito fiscale in meno, visto che i voucher comprendono una quota in favore di stato e Inps, ma con l’arrivo dei nuovi non è stato creato di certo un solo posto di lavoro stabile in più e il tasso di disoccupazione ha continuato a oscillare di mese in mese sulle stesse percentuali, a riprova di come i voucher siano stati vittime di un furore ideologico del sindacato. (Leggi anche: Voucher lavoro, vero scandalo è demagogia)

Cosa dovrebbero proporre i partiti per fare ripartire l’occupazione? Come premesso, l’abbattimento del cuneo fiscale rappresenta la precondizione per anche solo ipotizzare un ritorno alle assunzioni. Bisognerebbe anche flessibilizzare apertamente i contratti di lavoro per tutti senza passi indietro e consentire alla luce del sole di assumere con contratti a breve per i lavori occasionali. Poiché il lavoro lo creano le imprese e queste assumono solo se hanno qualcosa da produrre, non si scappa nemmeno dal più generale taglio delle tasse e della burocrazia per fare ripartire la crescita economica e assecondare l’occupazione. Serve un mix di misure shock per fare scattare la vera ripresa, quella che non si ferma ai dati ufficiali, ma che entra nelle case delle famiglie.

[email protected]

Argomenti: , , ,