Italia, la recessione si aggrava. S&P seppellisce l’ottimismo di Monti

L'Italia e la Spagna sono strette nelle spirale della recessione. S&P lancia un allarme che il governo Monti ha sempre ignorato

di Enzo Lecci, pubblicato il
L'Italia e la Spagna sono strette nelle spirale della recessione. S&P lancia un allarme che il governo Monti ha sempre ignorato

Nonostante l’oramai solita iniezione di fiducia da parte del governo Monti, il miglioramento delle prospettive per il nostro paese e il parallelo rallentamento della crisi economica, sembrano essere davvero lontani. Ad affermarlo non sono state le (poche) forze di opposizione al governo Monti ma l’agenzia di rating Standard and Poor’s che ha pubblicato un report sullo stato di salute dell’ economia italiana e di quella spagnola. Gli analisti americani non hanno usato giri di parole per descrivere la situazione di Madrid e Roma. Per S&P infatti la recessione in Italia e in Spagna si è notevolmente intensificata. Pesanti le parole sul nostro paese. Standard and Poor’s infatti ha parlato di recessione più profonda delle attese.  

Previsioni Pil Europa: nulla di buono fino al 2013

Il deterioramento della situazione economia in Italia e Spagna non è solo dovuto a problemi interni ai due paesi ma anche al progressivo peggioramento dello stato di salute dell’Eurozona. Riferendosi infatti ai paesi dell’area Euro, Standard and Poor’s ha tagliato le stime di crescita nel biennio 2012-2013. In particolare quest’anno il Pil dovrebbe calare dello 0,8% mentre nel 2013 la crescita dovrebbe essere pari a zero. Grandi malati, oltre ai paesi periferici come la disastrata Grecia, il Portogallo, l’Irlanda, la Spagna e l’Italia, sono anche alcuni paesi “insospettabili” come la Francia chiusa nel pantano della crescita zero. La presa di posizione di Standard and Poor’s smentisce così l’ottimismo di facciata del governo Monti. Ma il report di S&P ha anche il sapore della sconfitta per le scelte dell’esecutivo Monti che in un anno di governo ha introdotto solo tasse e balzelli di ogni tipo castrando ogni scenario di crescita.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia

I commenti sono chiusi.