Istat: l’Italia non esporta più. Crollano le vendite verso la Germania

A settembre ribasso del 4,2% per le nostre esportazioni con un determinante calo della Germania e dell'Eurozona. Decrementi anche per l'import, unica nota positiva il segno più della bilancia commerciale

di Carlo Robino, pubblicato il
A  settembre ribasso del 4,2% per le nostre esportazioni con un determinante calo della Germania e dell'Eurozona. Decrementi anche per l'import, unica nota positiva il segno più della bilancia commerciale

La serie di dati macro che stanno uscendo in questi giorni confermano ancora di più la pesante crisi che sta sperimentando l’Italia. Oggi l’Istat comunica i dati sulla bilancia commerciale del nostro Paese che rivelano il drammatico calo dell’export nostrano. A settembre 2012 si registra un calo del 4,2% rispetto a un anno prima. Si tratta del dato peggiore dal dicembre 2009 e riflette la contrazione dell’economia mondiale. A settembre, infatti, forte la contrazione di export verso Paesi trainanti come Cina, India e Giappone. Ma il dato allarmante è la diminuzione di vendite di prodotti italiani in Germania (-10,3%). Netto il cambio di tendenza, con il nostro export che crolla  nell’Eurozona (-7%  tendenziale), confermando l’empasse in cui si trova l’economia europea indebolita dalla politica del rigore. Fra i settori calano nettamente il tessile, abbigliamento, elettronica e gomma-plastica, mentre tiene l’alimentare e la farmaceutica. Decremento rilevante anche delle importazioni (-10,6% anno su anno ) con la bilancia commerciale però che a settembre ha segnato un attivo complessivo di 408 milioni.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia

I commenti sono chiusi.