Istat, fatturato e ordini industria in calo a gennaio

Fatturato e ordini industriali in calo a gennaio, dopo un 2016 deludente.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Fatturato e ordini industriali in calo a gennaio, dopo un 2016 deludente.

Secondo l’Istat, il fatturato e gli ordini dell’industria in Italia hanno segnato una performance negativa a gennaio. Il primo è diminuito del 3,5% sul mese di dicembre, mentre i secondi del 2,9%, dopo tre mesi di crescita congiunturale. Le attese erano per una contrazione del fatturato del 2,6%. Il calo è stato più marcato sul mercato estero (-5,4%) che su quello domestico (-2,3%). Gli ordinativi hanno segnato, invece, un aumento sul mercato estero (+2,6%) e un calo su quello interno (-6,6%).

La media trimestrale conferma la crescita dell’1,7% sui tre mesi precedenti per il fatturato. Corretto per gli effetti del calendario (21 giorni lavorativi contro 19 del gennaio 2016), il fatturato risulta aumentato su base tendenziale dell’1,5%, con andamenti del tutto simili tra mercato estero e quello domestico. L’indice grezzo, invece, segna una crescita annua dell’8,2%.

L’indice destagionalizzato rileva un incremento mensile per l’energia (+3,5%), ma cali per i beni strumentali (-5,1%), beni intermedi (-3,5%) e beni di consumo (-3,4%). Su base annua, la crescita maggiore si è avuta nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+18,9%), mentre il calo maggiore nelle altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature (-9,6%).

Quanto agli ordinativi, l’indice grezzo segna una crescita tendenziale dell’8,6%, trainato dalla fabbricazione dei mezzi di trasporto del 21,6%, mentre la flessione più ampia si registra per la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica (-15,8%). (Leggi anche: Industria, fatturato e ordini in crescita a dicembre)

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Italia, Famiglie, Indicatori economici italiani