Islanda, l’economia crescerà meno delle attese

La Banca Centrale Islandese lascia invariati i tassi di riferimento

di Enzo Lecci, pubblicato il
La Banca Centrale Islandese lascia invariati i tassi di riferimento

La Banca Centrale dell’Islanda ha lasciato invariati i tassi di riferimento al 6%. La decisione dell’istituto centrale è scaturita alla luce del lieve deterioramento delle prospettive di crescita del Pil. Secondo la banca centrale della fredda isola, nel 2012 il tasso di crescita complessivo dovrebbe essere più debole di quanto ci si poteva attendere. Tagliate anche le prospettive di crescita nel 2013. La Banca Centrale Islandese non ha fornito le nuove stime. A novembre l’istituto aveva parlato di una crescita del Pil del 2,5% nel 2012 e del 2,9% nel 2013.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Altre economie