Investire nelle piccole e medie imprese. Ecco perchè conviene

Azionario, small e midcap di alta qualità: un’opportunità imperdibile…specialmente in Europa. Il commento degli analisti

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Azionario, small e midcap di alta qualità: un’opportunità imperdibile…specialmente in Europa. Il commento degli analisti

Le small&midcap hanno sovraperformato le large cap dai minimi del mercato registrati durante la crisi finanziaria del 2009. Prevediamo – dice Christian Solé, Senior Financial Analyst di Candriam Investors Group – che le small cap continueranno a sovraperformare, ma è essenziale a nostro avviso concentrarsi su società di alta qualità, in grado di dimostrarsi più resilienti alla rimozione di liquidità a basso costo da parte delle banche centrali. Le società small e midcap hanno sovraperformato gli indici delle large cap.

A livello accademico, si è molto discusso della validità e della sostenibilità della sovraperformance registrata negli ultimi anni dalle società a piccola e media capitalizzazione, in quanto le small capscambiano con un premio sulla valutazione rispetto alle large cap. Da studi recenti (“SizeMatters, IfYou Control Your Junk”), tuttavia, emerge che se la scelta ricade sui titoli small capdi alta qualità, ovvero su società redditizie che evidenziano una sicurezza e crescita degli utili e che presentano un pay-outelevato, esse sovraperformano di gran lunga le relative controparti di dimensioni maggiori.

 

Società innovative nei mercati di nicchia in crescita

 

A nostro avviso – dice Solé – è importante, infatti, puntare su società che operano in mercati di nicchia in crescita,che abbiano un management dinamico e capacità in termini di innovazione. In molti casi, queste società a più piccola dimensione sono gestite dai loro stessi fondatori, che tendono a essere più prudenti nel ricorrere all’indebitamento poiché è in gioco il loro stesso patrimonio. Tali fondatori riconoscono anche l’importanza dei flussi di cassa, della redditività e della crescita dei ricavi nello sviluppo della società. Inoltre, la struttura di gestione delle piccole società è di norma più snella rispetto a quella dei loro competitor di dimensioni maggiori, il che consente loro di assumere decisioni in modo più rapido e più reattivo.

 

Si tratta di investimenti onerosi?

 

Nel guardare alle valutazioni attuali, sembra che le small e midcap europee scambinocon un premio rispetto alle società a grande capitalizzazione. Tuttavia, questo premio è ancora in linea con la media storica e ciò giustifica la nostra convinzione sull’opportunità di essere esposti su questo segmento di mercato.

 

Fare leva sul momentum economico

 

I titoli small cap, inoltre, presentano generalmente una quota più elevata di ricavi generati a livello interno, cosa che consente loro di beneficiare appieno della solidità di un’economia locale. Ciò è particolarmente vero in Europa, dove l’economia è in progressiva ripresa e di riflesso questo fatto dovrebbe essere positivo per le small cap. Peraltro, le small cap versano di norma un’aliquota fiscale più alta rispetto alle large cap che generano utili internazionali maggiori. Pertanto, eventuali tagli dell’aliquota sulle imposte delle società, favorirebbero maggiormente le imprese più piccole. Inoltre – prosegue Solé – essendo le small cap maggiormente orientate verso il mercato interno, risultano meno esposte a eventuali misure protezionistiche che riteniamo possano essere una potenziale fonte di rischio. Le small e midcap sono anche meno esposte ai mercati emergenti e alle commodity, due asset class che hanno mostrato maggiore fragilità a fronte del rialzo dei tassi da parte della Fed. Infine, i titoli small cap presentano di norma beta più elevati e, di conseguenza, registrano solitamente buone performance duranterally bruschi del mercato. Nel medio termine, dovremmo restare in un contesto caratterizzato da una crescita minima. In tale scenario, gli investitori dovrebbero continuare la ricerca di small e midcap europee, poiché queste offrono prospettive migliori in termini di crescita.

 

Un’opportunità da cogliere

 

L’investimento nelle small cap non è privo di rischi, perché solitamente manca una copertura di ricerca di qualità. Questa sorta di vuoto informativo potrebbe scoraggiare molti investitori e creare una volatilità significativa dei prezzi quando i mercati assumono un andamento negativo. Tuttavia, per gli investitori pronti a studiare, queste società rappresentano un’opportunità imperdibile. Riteniamo che il 2018 possa essere un anno rialzista per i mercati e per le small cap, ma l’imminentetapering europeo e il terminedi una liquidità a basso costo potrebbero innescare una notevole volatilità con potenziali rischi macroeconomici, soprattutto per le società di piccole dimensioni, in quanto la scarsa liquidità potrebbe intensificare le oscillazioni dei prezzi azionari. Inoltre, ciò potrebbe segnare la fine dei credit spread a basso costo. Ecco perché – conclude Solé – difendiamo l’importanza di rimanere focalizzati sugli investimenti in piccole società di alta qualità con bilanci solidi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi Eurozona