Investimenti: i 5 rischi estremi secondo William Towers Watson

Il ritorno al protezionismo, alla luce della politica dei dazi perseguita da Donald Trump, potrebbe avere conseguenze catastrofiche per il commercio globale.

di , pubblicato il
Il ritorno al protezionismo, alla luce della politica dei dazi perseguita da Donald Trump, potrebbe avere conseguenze catastrofiche per il commercio globale.

Dopo i report del 2009, 2011 e 2013, il broker assicurativo Williams Towers Watson rispolvera la classifica dei rischi estremi che chi investe correrebbe nel corso del prossimo anno. Le persone che investono sanno bene quanto sia importante la gestione del rischio, come sottolinea il giornalista Andrea Franceschi nel suo approfondimento per Il Sole 24 Ore. A maggior ragione di fronte a un rischio estremo, poiché quasi sempre arriva in maniera del tutto inaspettata. Rispetto a 10, 8 e 6 anni fa, assumono un peso sempre più importante i rischi estremi non finanziari. A questo proposito, secondo l’analisi del broker assicurativo il riscaldamento globale è tra i fattori da prendere in maggiore considerazione.

I 5 rischi estremi per chi investe

#1 Riscaldamento globale

Dopo la terza posizione acquisita nel report 2013, il riscaldamento globale occupa la prima posizione nella classifica dei 5 rischi estremi che ogni investitore dovrebbe prendere in considerazione. Tra le conseguenze citate una minore produzione di cibo, la svalutazione del mercato immobiliare nelle aree costiere e le difficoltà del mercato assicurativo.

#2 Collasso commercio globale

Il ritorno al protezionismo, alla luce della politica dei dazi perseguita da Donald Trump, potrebbe avere conseguenze catastrofiche per il commercio globale, dopo aver rappresentato una certezza in questi ultimi vent’anni dominati dalla globalizzazione.

#3 Guerra cibernetica

Sul podio del report realizzato dal broker assicurativo Williams Towers Watson figura una sempre più realistica guerra cibernetica, che metterebbe in ginocchio l’economia di grandi Paesi come gli Stati Uniti d’America.

#4 Scarsità di risorse

L’aumento della popolazione globale è direttamente proporzionale alla scarsità di risorse fondamentali come acqua, cibo e combustibili fossili. I rischi potenziali fanno riferimento a guerre e una stagnazione economica.

#5 Crisi valutaria

Il quinto rischio estremo è rappresentato da una possibile crisi valutaria, qualora un Paese decida di svalutare una delle principali monete di scambio all’interno dell’area economica.

Leggi anche: Quanto valgono 10 euro dal 1970 ad oggi e cosa ci si può comprare

Soldi sotto al materasso: 100 mila euro e inflazione al 2%, cosa resterebbe dopo 30 anni

Per rettifiche, informazioni o comunicati stampa scrivete a [email protected]

Argomenti: ,