Instagram punta allo shopping come Amazon: al via gli acquisti dalle storie, ecco come funziona

Instagram cambia volto; permetterà di fare acquisti direttamente dalle storie dei contenuti sponsorizzati.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Instagram cambia volto; permetterà di fare acquisti direttamente dalle storie dei contenuti sponsorizzati.

Instagram sfida Amazon e permetterà di fare acquisti direttamente dalle storie. Cambia quindi e si evolve il social più amato del momento, che sull’onda emotiva di Amazon e dei negozi senza casse, pensa di lanciare il guanto di sfida a colossi come eBay e il gigante di Seattle appunto per sperimentare un nuovo modo di vendere.

Cosa cambierà adesso

Chi non conosce Instagram? Ormai il social dedicato alle foto, usato anche dai Vip e dagli Influencer che ne hanno fatto un vero e proprio lavoro, che permette persino di creare storie della durata di 24 ore e promuovere contenuti, ha in mente una rivoluzione non di poco conto. D’ora in avanti il social consentirà anche di acquistare un determinato prodotto semplicemente cliccando sulla storia che lo sta sponsorizzando. Oggi, questa funzione è disponibile anche in Italia e in altri 46 paesi dopo un periodo di test e si accompagna ad un’altra funzione altrettanto interessante, quella chiamata Esplora che permetterà di comprare i prodotti tramite un canale dedicato.

Acquistare prodotti dalle IG Stories

Ci hanno già provato colossi come Facebook con il Marketplace, che è più un luogo di scambio, e Twitter con poco successo ma Instagram, che da semplice social di foto è diventato l’universo degli influencer più disparati che pubblicizzano creme, tisane, vestiti, oggetti hi tech e chi più ne ha più ne metta, ha dalla sua più appeal in questo campo. Basti pensare che oltre un terzo delle storie che i visitatori guardano su Ig sono riferite a profili aziendali. Dietro queste scelte non c’è sempre la consapevolezza; secondo una ricerca di Blogmeter, come riporta anche Repubblica, molti utenti non sono ancora capaci di distinguere un contenuto pubblicitario da uno non pubblicitario e tutto ciò ha portato ad una crescita sostanziosa dei traffico e dei ricavi per alcuni marchi che usano Instagram.

Il discorso influencer era emerso poco tempo fa quando l’Antitrust aveva bacchettato molti aspiranti Vip che guadagnano sponsorizzando vari prodotti sul social colpevoli di non indicare chiaramente con i tag che quel post è appunto commerciale. Si faceva riferimento a post in cui un influencer indossava, ad esempio, un abito con in vista il marchio ma senza indicarlo nel post. 

Leggi anche: Pubblicità occulta, giro di vite contro i micro influencer e nuova moral suasion

Instagram, quindi, ha colto la palla al balzo e considerato che molti iscritti più noti, quelli che hanno migliaia di followers, sponsorizzano oggetti, ha pensato di permettere ai visitatori di acquistare con un click. Una bella mossa di marketing.

Leggi anche: Amazon dichiara guerra alle farmacie: consegnerà anche le medicine a casa

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Social media e internet