Inflazione record nel 2012: Italia sempre più “cara”

L'indice dei prezzi al consumo in Italia cresce più della media europea

di Enzo Lecci, pubblicato il
L'indice dei prezzi al consumo in Italia cresce più della media europea

Non solo la disoccupazione e il calo della produzione industriale ma anche l’inflazione ha raggiunto nel 2012 un livello record. L’Istat ha comunicato che il tasso di crescita medio annuo dell’inflazione in Italia è stato pari al 3% contro il 2,8% del precedente anno. Per l’istituto di statistica si tratta del livello più alto dal 2008, quando il tasso di inflazione toccò il 3,3%. Ancora peggio è andata per il tasso di crescita medio annuo dell’indice armonizzato Ipca (comprendente anche i saldi) che nel 2012 è stato pari al 3,3%, lo 0,4% in più rispetto al 2,9% messo a segno nel 2011. Anche in questo caso si tratta del valore più alto mai raggiunto dal 2008. Per quanto riguarda l’inflazione riferita al solo mese di dicembre, l’Istat ha reso noto che  l‘indice dei prezzi al consumo in Italia ha segnato un +2,4% su base annua rispetto al +2,55 del mese precedente. Il dato è peggiore rispetto alla media europea. I prezzi al consumo nell’area Euro nel mese di dicembre, infatti, hanno fatto segnare una crescita del 2,2%. Nel dettaglio l’Eurosat ha comunicato che l’energia ha fatto registrare un incremento del 5,2% (contro il +5,7% di novembre) mentre il settore alimentari, alcol e tabacco ha segnato un più modesto +3,1% (contro il +3% del mese mese di novembre). Crescita decisamente più moderata per i prezzi di servizi (+1,8%) e i beni industriali diversi dall’energia (+1,1%).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Inflazione