Infermieri pagati 5 euro per misurare temperatura in spiaggia: l’annuncio ‘scandaloso’

Offerta lavoro per infermieri a 5 euro lordi l'ora ha creato un mare di polemiche, secondo i sindacati è scandalosa.

di , pubblicato il
Offerta lavoro per infermieri a 5 euro lordi l'ora ha creato un mare di polemiche, secondo i sindacati è scandalosa.

Nonostante il web molto spesso non perdona, soprattutto quando si parla di annunci di lavoro discutibili, non sono rari i casi di offerte lavoro al limite della decenza che poi iniziano a circolare sui social causando un mare di polemiche. L’ultimo in ordine cronologico è stato segnalato da Federconsumatori e riguarda la ricerca di infermieri con una paga di 5 euro lordi. 

12 ore di lavoro con stipendio a 5 euro lordi o 9 ore di lavoro a 1.000 euro mensili

Gli annunci della discordia sono riferiti a delle offerte di impiego pubblicate da parte di alcuni lidi, che stanno appunto cercando personale specializzato per misurare la temperatura sulle spiagge. L’annuncio recitava così: “Cercasi infermieri con partita Iva per rilevare la temperatura ai bagnanti sulle spiagge. Paga: cinque euro lordi all’ora e turni da 12 ore”. Oppure ”Cercasi infermieri da impiegare nei lidi, per rilevare le temperature dei bagnanti, con orario dalle 8:00 alle 17:00 dal 15 luglio al 31 agosto con paga di 1.000 euro mensili”. 

Sindacati in guerra per l’offerta lavoro scandalosa

Ovviamente i sindacati hanno subito storto il naso definendo scandalosa, a detta del presidente di Nursing Up Antonio De Palma, la paga offerta: “Che alla fine si tratti di infermieri iscritti o meno al nostro sindacato, qui c’è in ballo la nostra dignità, la nostra professionalità” ha chiarito ancora De Palma. I sindacati hanno definito avvilente leggere di un’offerta di lavoro simile da parte di lidi o cooperative private, soprattutto se si considera che spesso si tratta anche di turni lunghi di 12 ore che “sviliscono la dignità professionale degli interessati”.

I sindacati si appellano, in sostanza, agli infermieri che non devono scendere sotto una certa soglia anche se c’è necessità di lavorare.

Il Governo e le Regioni fanno già fatica ad occuparsi di chi lavora nella sanità pubblica e privata – conclude il sindacato- e non pare proprio che stiano dimostrando interesse per i liberi professionisti“. Ancora una volta, insomma, casi di sfruttamento o di stipendi al limite della miseria hanno creato un mare di polemiche dopo il caso che fece discutere tempo fa relativo ai call center  che offriva una paga da 92 euro mensili. 

Leggi anche: Stipendio misero da 4 euro all’ora: il dramma del lavoro per migliaia di italiani

[email protected]

 

Argomenti: ,