Industria, molto bene ordini e fatturato ad ottobre dopo un settembre negativo

Dopo un settembre nero, l'industria italiana segna un balzo a ottobre. Bene ordini e fatturato.

di , pubblicato il
Dopo un settembre nero, l'industria italiana segna un balzo a ottobre. Bene ordini e fatturato.

Mese molto positivo per l’industria italiana ad ottobre. Secondo l’Istat, gli ordini sono cresciuti del 4,6% rispetto al mese precedente e del 2,2% su base annua, trainati particolarmente da quelli esteri (+6%), anche se la dinamica è stata molto buona anche per la componente interna (+3,6%). Nel dettaglio, l’incremento maggiore si registra ancora nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+30,3%), mentre la flessione più ampia si ha nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+5%). Quanto al fatturato, l’Istat segnala una crescita mensile del 2% al netto della stagionalità e una annua dell’1,6% (indice corretto per gli effetti del calendario: 22 giorni lavorativi quest’anno contro i 23 dell’ottobre 2014). Analizzando alle componenti, si scopre che sul mercato domestico il fatturato è cresciuto rispetto a settembre dell’1,4%, mentre su quello estero del 3,1%. Su base annua, gli aumenti sono stati rispettivamente dell’1,3% e del 2,4%. Nella media trimestrale, l’indice risulta diminuito dell’1,6% rispetto ai 3 mesi precedenti (-2% sul mercato interno e -0,9% su quello estero). Gli indici destagionalizzati segnano un incremento congiunturale del 5,2% per i beni strumentali, dell’1,1% dei beni di consumo e dell’1% di quelli intermedi, mentre flette del 2,4% l’energia. Su base annua, l’incremento maggiore si ha nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+22%) e la variazione negativa più elevata per la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-22%). In termini grezzi, il fatturato scivola tendenzialmente dell’1,6%.  

Argomenti: