Indice Pmi: Europa contratta ma in Italia cresce il terziario

Positive le indicazioni di dicembre dalla lettura dell'indice Pmi servizi.

di Carlo Robino, pubblicato il
Positive le indicazioni di dicembre dalla lettura dell'indice Pmi servizi.

In mattinata diffuso l’indice Pmi servizi che nella zona euro a dicembre e’ salito a 47,8 punti dai 46,7 di novembre rispettando le attese degli analisti. Con questa indicazione l’indice Pmi composito (manifattura+servizi) della zona euro risale  a 47,2 punti dai 46,5 punti di novembre. Il dato non sorprende il mercato poichè rispetta le stime che prevedevano un aumento a 47,3 punti. Guardando al Pmi servizi dei singoli Paesi si nota che in Italia l’indice aumenta oltre alle attese a 45,6 punti dai 44,6 di novembre. Gli analisti prevedevano un progresso più limitato a 45 punti. Sotto le aspettative invece il dato francese, con l’indice in calo a 45,2 punti dai 45,8 del mese precedente. Buona la ripresa in Spagna (da 42,4 a 44,3 punti), mentre la Germania si conferma motore dell’economia europea. Il suo settore terziario è l’unico a dicembre ad attestarsi sopra il valore soglia dei 50 punti: l’indice Pmi servizi è infatti passato da 49,7 a 52 punti (il consensus era per 52,1).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Economie Europa