Incendio Pomezia: nube tossica su 21 comuni in provincia di Roma, si rischia il disastro ambientale?

Un incendio divampato nella giornata di ieri in uno stabilimento di stoccaggio rifiuti di Pomezia rischia di provocare il disastro ambientale.

di , pubblicato il
Un incendio divampato nella giornata di ieri in uno stabilimento di stoccaggio rifiuti di Pomezia rischia di provocare il disastro ambientale.

Un incendio è divampato in uno stabilimento di stoccaggio e smaltimento rifiuti industriali, l’Eco X, sulla Pontina Vecchia a Pomezia, un comune a sud di Roma. Le fiamme,  a causa dell’altissima colonna di fumo nero e denso, hanno formato una minacciosa nuvola nera che, con il passare delle ore ha coinvolto 21 Comuni della provincia.

L’incendio, divampato ieri mattina verso le 8 , ha prodotto un fumo nero e acre che bruciava narici e occhi, che è stato accompagnato da un grande boato e da una serie di esplosioni. I vigili del fuoco hanno lavorato per tutta la giornata di ieri e per tutta la notte per cercare di spegnere l’incendio che, al momento però, c’è ancora, anche se minimo, mentre il fumo ancora denso, continua ad ammassarsi alimentando la nera nube. L’incendio non ha provocato feriti nè intossicati ma il timore è alto, poichè si ritiene possibile che la copertura sui capannoni dell’impianto presentasse cemento amianto.

nube tossica pomezia 1Ieri pomeriggio il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha invitato la popolazione di Roma e provincia a tenere chiuse le finestre delle abitazioni, degli uffici, degli ospedali e delle scuole. Anche se la nera coltre non ha coinvolto la capitale, nella giornata di ieri, a essere coinvolti sono 21 Comuni dei Castelli Romani: Nettuno, Anzio, Pomezia, Ardea, Velletri, Lavinio, Lanuvio, Genzano, Albano, Ariccia, Nemi, Castel Gandolfo, Marino, Frascati, Grottaferrata, Rocca di Papa, Rocca Priora, Montecompatri, Monte Porzio Catone e Colonna.

Il  direttore generale della Asl Roma 6, Narcisio Mardarda, ha spiegato che “Ritenendo possibile la presenza di copertura in cemento amianto sui capannoni dell’Impianto è stato richiesto ad Arpa Lazio di poter estendere le attività  di campionamento ambientale al fine di determinare l’eventuale presenza di fibre aerodisperse. Contestualmente è stato contattato il Centro Regionale Amianto della Asl di Viterbo per concordare l’analisi dei campioni ed eventuali ulteriori accertamenti da effettuare”.

incendio pomeziaIntanto, in via precauzionale il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, ha invitato i cittadini a lavare accuratamente frutta e verdura ed ha provveduto ad evacuare abitazioni e scuole nel raggio di 100 metri.

Nella mattinata di oggi sono arrivate le analisi effettuate dall’Arpa Lazio  in merito alla qualità dell’aria, dalle analisi non emergono superamenti dei limiti imposti ma è da tener presente che sono state analizzate le concentrazioni presso le stazioni di Ciampino, Cinecittà e Fermi ma ieri mattina i venti hanno spinto la nube verso sud, e quindi verso Anzio e Nettuno , nel pomeriggio verso i Castelli Romani non interessando minimamente la capitale. Tale analisi, quindi, non può in nessun caso ritenersi veritiera per quel che riguarda le concentrazioni presso i Comuni interessati dalla nube nella giornata di ieri.  Per sapere con certezza le concentrazione per la qualità dell’aria, bisognerà, quindi attendere le misurazioni effettuate in loco.

La nube, che ieri era nera, oggi è molto più bassa e grigia. In via precauzionale nella mattina di oggi, è stato chiuso l’outlet di Castel Romano con ordine di evacuazione a causa del cattivo odore, riferisce la nota del centro commerciale, che sta in ogni caso diminuendo.

Riportiamo il video Youtube di Castelli Notizie: 

 

Argomenti: ,