In Giappone la disoccupazione scende ai minimi dal 2008

Cresce per il quarto mese consecutivo la produzione industriale in Giappone

di , pubblicato il
Cresce per il quarto mese consecutivo la produzione industriale in Giappone

Mentre l’Europa è costretta a fare i conti con l’emergenza lavoro, in Giappone la disoccupazione non rappresenta sicuramente uno dei fattori di maggiore preoccupazione per le autorità. 

Il tasso di disoccupazione nel Sol Levante, infatti,  si è attestato nel mese di marzo al 4,1% contro il 4,3% registrato nel mese precedente. Andando a guardare alle serie storiche è facile rendersi conto che il numero dei senza lavoro in Giappone non era mai stato così basso fin dal lontano novembre 2008.

Secondo il governo giapponese il forte calo del tasso di disoccupazione (superiore anche alle stime degli analisti che marzo si attendevano un tasso al 4,2%) non è stato provocato da un aumento delle assunzioni ma dall’uscita di molte donne dal mercato del lavoro.

 

Produzione industriale Giappone: si allunga il trend positivo

Aumento inferiore alle attese per il secondo dato macroeconomico giapponese in agenda per la giornata di oggi. L’indice relativo alla produzione industriale nel mese di marzo, infatti, ha fatto registrare un incremento dello 0,2% rispetto al mese precedente contro il +0,4% messo in conto dagli analisti. Alla luce dell’incremento messo a segno nel mese di riferimento, la produzione industriale nipponica allunga di fatto la sua serie positiva. Negli ultimi 4 mesi, infatti, l’indice ha sempre fatto segnare variazioni positive. Un piccolo record se si considera che che era dal marzo 2011, all’epoca del violento tsunami che devastò il Giappone, che la produzione industriale del Sol Levante non faceva registrare un così lungo trend di crescita.

 

Argomenti: