Impianti di sci, palestre e cinema: le attività che rischiano di non aprire a gennaio

Palestre, cinema e teatri: l'apertura rischia di slittare a fine gennaio?

di , pubblicato il
Passaporto vaccinale palestre

Quando riaprono gli impianti sciistici? E le altre attività chiuse? Nelle ultime ore si sta decidendo in merito alla riapertura dopo che nel Dpcm del 3 dicembre era stata disposta la chiusura durante le vacanze di Natale, per evitare assembramenti e quindi aumento dei contagi nelle località di montagna. 

Dagli impianti di sci alle palestre, quando aprono?

La riapertura degli impianti era stata fissata al 7 gennaio, ma nelle ultime ore si parla di slittamento a febbraio, una notizia che non è andata giù ai gestori che rischiano di vedere andare in fumo la stagione. 

Ma non solo gli impianti da sci a rischiare di non aprire. Il Dpcm del 3 dicembre, aveva imposto anche la chiusura di palestre, piscine, cinema, teatri e centri estetici, che in base al decreto avrebbero dovuto riaprire il 15 gennaio, data di scadenza dello stesso. Tuttavia sembra che anche per queste attività lo slittamento sembra possibile. Il Governo ha anticipato che si deciderà in base ai dati epidemiologici, dati che arriveranno subito dopo l’Epifania.

Riaperture a fine gennaio

Per quanto riguarda le palestre e le piscine, il Cts ha aperto un tavolo di confronto con il ministro dello Sport per accelerare i tempi e fare in modo che i giovani possano riprendere l’attività fisica. Non è chiaro se una riapertura ci sarà il 15 gennaio o verso la fine del mese. A rischio anche i centri estetici, così come i centri culturali e ricreativi, la cui apertura rischia di slittare ancora. La paura è che la riapertura dei cinema e di quelle attività considerate a rischio possano far aumentare i contagi, senza contare che l’Rt è tornato a sfiorare il 15%.

 

Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, aveva detto in merito: “Penso sia possibile, seppur con alcune limitazioni, riaprire palestre, piscine e centri di danza entro la fine di gennaio”.

Per ora, quindi, manca l’ufficialità, che presumibilmente si avrà pochi giorni prima della scadenza del Dpcm, il 15 gennaio. Il Governo ha ancora due settimane per decidere anche se le categorie premono per una riapertura.

Vedi anche: Palestre, piscine, teatri e cinema a rischio l’apertura a gennaio
[email protected]

 

Argomenti: ,