Il Venezuela svaluta il cambio del 95% e lo lega alla “criptomoneta”, Maduro rischia il golpe vero

Il Venezuela svaluta il bolivar di un altro 95% e adesso i militari potrebbero reagire alla crisi con un colpo di stato. Nuove banconote emesse con 5 zeri in meno da oggi.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Il Venezuela svaluta il bolivar di un altro 95% e adesso i militari potrebbero reagire alla crisi con un colpo di stato. Nuove banconote emesse con 5 zeri in meno da oggi.

Misure shock contro la devastante crisi del Venezuela sono state decise sabato dal presidente Nicolas Maduro, che ha annunciato la svalutazione del cambio. Se ad oggi formalmente un dollaro acquistava sul mercato ufficiale 285.000 bolivares, da oggi la fluttuazione sarà libera, ovvero ricondotta alle forze della domanda e dell’offerta, per cui il nuovo tasso di cambio si porterà ai livelli vigenti sul mercato nero, dove un dollaro viene scambiato contro 5,9 milioni di bolivares, per cui la svalutazione equivale a circa il 95%. Tuttavia, l’altra grande misura introdotta a partire dalla giornata odierna riguarda l’emissione di nuove banconote con 5 zeri in meno, un modo escogitato dal governo di Caracas per cercare di contrastare l’iperinflazione. Pertanto, il cosiddetto “bolivar sovrano” sarà 100.000 volte più pesante di quello appena soppiantato. Non solo, esso verrà agganciato a Petro, la “criptomoneta” emessa a partire dal febbraio scorso e ancorata al petrolio, a cui il governo ha assegnato così un valore di 60 dollari per ciascuna unità. Ne consegue che un Petro varrà 3.600 bolivares sovrani, pari a 360 milioni dei vecchi bolivares.

Crisi Venezuela, Maduro ammette: ‘nostro modello sbagliato’. E Caracas resta al buio 

Inutile ribadire come alla già elevata confusione se ne aggiunga dell’altra. Il salario minimo è stato aumentato del 3.500% a 30 dollari mensili, mentre l’IVA sui beni di lusso è stata innalzata dal 12% al 16% e la benzina verrà venduta ai prezzi di mercato, senza sussidi, una misura che farebbe risparmiare allo stato sui 10 miliardi di dollari all’anno, stando a Maduro. Solo gli autotrasportatori che si registreranno potranno continuare ad accedere ai sussidi statali. Infine, le aste con cui la valuta straniera verrà fatta fluire alle aziende importatrici saranno tenute con maggiore frequenza, anche 3-5 volte alla settimana.

La fine della pacchia per i militari?

Cosa significano questi provvedimenti nel loro insieme? In generale, Caracas ha preso atto che il tasso di cambio reale contro il dollaro sarebbe di 20 volte più debole di quello ufficiale sinora seguito. Togliendo i 5 zeri, sul mercato nero si ha oggi un rapporto di 1 dollaro per 59 bolivares. In teoria, l’avere posto fine al sistema multiplo dei cambi avrebbe effetti positivi sulla capacità del Venezuela di far fluire al suo interno maggiore valuta straniera. Tuttavia, essa comporta anche un’accelerazione dell’inflazione, stimata dall’indice Bloomberg “Caffè con Latte” al 108.000% e che per il Fondo Monetario Internazionale tenderebbe al milione percento entro la fine dell’anno. Va detto, in realtà, che ormai da anni il cambio utilizzato da imprese e commercianti per fissare i prezzi è stato quello illegale, per cui cambierebbe sostanzialmente poco nella vita quotidiana di 30 milioni di venezuelani, anche se bisogna mettere in conto che lo stato utilizzava il cambio calmierato per le importazioni (scarse) di cibo e medicine e che l’eliminazione stessa dei sussidi per il carburante farà schizzare in alto ulteriormente i prezzi.

Misure tardive, quando già si calcola che 3 milioni di cittadini siano fuggiti all’estero dall’inizio della crisi. Eppure, esse potrebbero indebolire il regime “chavista”, che si regge non certo sul consenso popolare, quanto sulla repressione violenta del dissenso da parte dei militari, casta privilegiata dal governo. Come? Sinora, l’esercito aveva gestito le importazioni alimentari e aveva avuto accesso al cambio ufficiale, dal quale il resto della popolazione era esclusa da anni per carenza di valuta estera disponibile. In sostanza, i funzionari vicini al regime hanno potuto acquistare dollari a costi anche di migliaia di volte in meno di quelli sostenuti da tutti gli altri venezuelani, avendo la possibilità di rivenderli realizzando guadagni facili, immediati ed enormi. Questo spiega perché tra i ranghi dell’esercito non si sono registrate sostanziali defezioni contro un governo così inefficiente e che ha affamato quella che un tempo era tra le economie più ricche al mondo.

Con la fine dei cambi multipli, questo sistema di corruzione verrebbe formalmente meno, ma così anche il sostegno a Maduro della stretta cerchia di privilegiati. Dopo il fallito golpe di pochi giorni fa e su cui aleggiano parecchi dubbi, il regime rischia stavolta di restare vittima di un colpo di stato vero e ben più organizzato ad opera dei militari. Si consideri che l’eliminazione dei sussidi per la benzina creerà nuove tensioni tra gli automobilisti, il cui stipendio minimo oggi basta a malapena per comprare un paio di caffè al mese o qualche chilo di carne rossa. Per non parlare dei rischi di una moneta di nuova emissione, che potrebbe fluire nelle tasche dei venezuelani non subito, aggravando la già enorme carenza di liquidità, paradosso per un paese afflitto proprio dall’eccesso di liquidità iniettata dalla banca centrale negli anni, causa dell’iperinflazione in corso.

Crisi Venezuela, dubbi su attentato contro Maduro

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Altre economie, Crisi del Venezuela, Crisi paesi emergenti, economie emergenti, valute emergenti