Il successo delle scarpe Lidl che vanno a ruba, spiegato agli increduli

File davanti ai punti vendita Lidl per le sneakers a 12,99 euro. Fanno parte di una collezione che sta facendo impazzire tutta Europa da questa estate.

di , pubblicato il
A ruba anche in Italia le sneakers della Lidl

E alla fine sono arrivate anche in Italia. Le sneakers della Lidl sono disponibili dalla giornata di ieri nei 660 punti vendita oggi presenti nel nostro Paese. E com’era accaduto questa estate nel Nord Europa, sono andate a ruba. Nel giro di qualche ora, da nord a sud è stato tutto esaurito. Lunghe file si sono registrate un po’ ovunque, come se fossimo dinnanzi a un evento, un po’ come quando esce l’ultimo iPhone di Apple.

Le scarpe vendute a 12,99 euro fanno parte della Lidl Fan Collection. Si trovano anche, infatti, ciabatte a 4,99 euro, calzini a 2,99 euro e magliette a 4,99 euro. I colori sono quelli caratteristici del logo Lidl: blu, giallo e rosso. Si tratta di una linea unisex e con numero che parte dal 37 al 46. E come da previsioni, oggi è già molto difficile trovare le sneakers in un qualche punto vendita. Semmai, già sono rivendute online anche a 200 euro. Nulla, se pensate che su internet sono arrivate ad essere vendute per 2.700 euro nei mesi scorsi.

Eppure, gli internauti sui social sono estremamente divisi. In tanti, in Italia come all’estero, molti li considerano kitsch, per non dire esplicitamente brutti. In effetti, non penseremmo mai di comprare un prodotto moda alla Lidl per fare bella figura. Siamo abituati a pensare che nei punti vendita del colosso tedesco, di fronte ai surgelati e accanto ai prodotti per il giardinaggio o le auto, vi siano indumenti a basso prezzo e di valore altrettanto infimo, che quasi sempre acquistiamo alla bisogna, non certo per andare in giro a ostentare chissà quale buon gusto.

Scarpe Lidl a 12,99 euro e non solo, concorso di Natale 2020

Le ragioni di un successo impensabile

Fatto sta che la Lidl è riuscita nell’impresa straordinaria di crearsi una linea propria divenuta un cult.

Come ci è riuscita? Il primo ingrediente del successo è chiaramente la bassa offerta. Vi ricordate i Nutella Biscuits lanciati da Ferrero proprio un anno fa? Le immagini degli scaffali vuoti fecero il giro del mondo e contribuirono a propinare l’idea di un prodotto così desiderato da risultare introvabile. Questa strategia di marketing sta funzionando da mesi anche con le sneakers Lidl.

Secondariamente, qui rileva l’associazione tra un marchio del tutto estraneo alla moda e un accessorio moda. Questa bizzarria dovete sapere che fa impazzire quella nicchia di mercato, che potremmo definire “streetwear”, vale a dire gli amanti del casual e che spesso sono soliti ostentare una voluta e finta trascuranza da contrapporre ai grossi marchi. E’ già accaduto che una casa di moda abbia lanciato con successo un capo di abbigliamento con logo che rimanda a una terza società del tutto estranea al comparto. Si pensi all’omaggio di Belenciaga alle borse dell’IKEA o alle magliette con il logo DHL della francese Vetements. Nel caso specifico, invece, Lidl ha commissionato la linea a Livergy ed Esmara, le due società che producono i capi di abbigliamento per la catena. Dunque, è rimasta una produzione interna.

Infine, c’è il fattore comunicazione. Il debutto di queste scarpe non è avvenuto a casaccio, bensì è stato anticipato da una campagna social piuttosto mirata. Diversi influencer di successo sono stati ingaggiati per promuovere le sneakers. In Italia, questa estate abbiamo visto Fedez indossare i calzini nelle sue storie su Instagram. Oltre a lui, diversi “tiktoker” hanno promosso la linea, con il risultato di renderla molto popolare nel segmento dei giovani e giovanissimi. Probabile, poi, che molti stiano acquistando non per indossare realmente le scarpe, ma semplicemente per toccare con mano il successo del prodotto ed eventualmente farci pure qualche soldo rivendendole online. Scarpe Lidl come bene d’investimento, una bolla che si autoalimenta, insomma.

Perché se va male, avremmo perso solo 13 euro.

Scarpe Lidl vendute a migliaia di euro, perché tanto successo?

[email protected] 

Argomenti: ,