Il prezzo del cacao resta stabile e gli agricoltori africani guardano ai trafficanti d’oro

Il cacao per quest'anno basta e il prezzo si stabilizza dopo il boom del 2018. Tuttavia, gli agricoltori dell'Africa Occidentale lamentano basse entrate.

di , pubblicato il
Il cacao per quest'anno basta e il prezzo si stabilizza dopo il boom del 2018. Tuttavia, gli agricoltori dell'Africa Occidentale lamentano basse entrate.

Il 2018 si è chiuso per il cacao con prezzi in crescita del 25%, a causa dello squilibrio tra domanda e offerta. Quest’anno, le cose stanno andando piuttosto diversamente, se si considera che le quotazioni dei futures si aggirano all’incirca sugli stessi livelli di apertura del 2019, al momento attestandosi in area 2.370 dollari per tonnellata. Questo, perché contrariamente alle previsioni dei mesi scorsi, le notizie che stanno arrivano dall’Africa Occidentale, cuore del raccolto dei chicchi di cacao nel mondo, sono tutte d’impronta positiva. Costa d’Avorio e Ghana fanno insieme circa il 60% della produzione mondiale. La prima sta vedendo attestarsi i raccolti intorno agli 1,9 milioni di tonnellate, la seconda sulle 900.000.

Cacao più caro a Natale?

Le esportazioni ivoriane in questi primi mesi dell’anno sono aumentate del 14% tendenziale. Insomma, il timore di un eccesso di domanda sembra essere stato allontanato, anche se le Isole Salomone continuano a ritenere alla portata un’impennata dei loro prezzi, che li spinga ai massimi toccati nel 2011, quando superarono i 3.800 dollari, sperando persino che possano sfondare la soglia dei 4.000, nel caso in cui il raccolto in Ghana scendesse per effetto della diffusione di un virus ai danni delle piante.

Basse entrate per gli agricoltori

Che l’equilibrio, tuttavia, sia instabile lo dimostrerebbero gli stessi numeri snocciolati in questi giorni da COCOBOD, l’ente pubblico ghanese che si occupa di gestire la produzione e di mediare tra gli agricoltori e gli acquirenti. Il ceo Joseph Boahen Aidoo lamenta le basse remunerazioni in favore dei primi, notando come la filiera mondiale del cacao valga complessivamente 100 miliardi di dollari, mentre Ghana e Costa d’Avorio percepiscono in tutto appena 6 miliardi, il 6% e a fronte di una produzione di non meno del 60%.

Perché la Nutella ora ha più zucchero e meno cacao e nocciole 

Sempre secondo il manager, uno dei principali rischi per la sopravvivenza di questa industria nell’Africa Occidentale è rappresentato dalla tentazione di un numero crescente di agricoltori di cedere le terre ai minatori illegali di oro. Il problema, riconosce lo stesso Aidoo, è legato alla bassa produttività, tanto che il governo di Accra ha dovuto sussidiare gli agricoltori per l’acquisto di fertilizzanti. Alcuni colossi mondiali del cacao, tra cui Mondelez e Mars, hanno da anni adottato programmi per assistere il settore nella produzione a maggiore rendimento, cosa che metterebbe d’accordo un po’ tutta la filiera, da chi coltiva i chicchi a chi li compra all’ingrosso, fino al consumatore finale. Quest’ultimo si assicurerebbe prezzi meno volatili, grazie a una produzione più costante.

[email protected] 

Argomenti: