Il governo peggiora le stime sul debito/Pil 2013

Il Governo presenta nel Def le previsioni per i principali indicatori di finanza pubblica. Il Deficit sul Pil sarà sempre al di sotto del 3%

di Carlo Robino, pubblicato il
Il Governo presenta nel Def le previsioni per i principali indicatori di finanza pubblica. Il Deficit sul Pil sarà sempre al di sotto del 3%

Il Consiglio dei ministri presieduto da Mario Monti ha approvato il Documento di economia e finanza, in ottemperanza agli obblighi europei. Dal documento emerge che il governo italiano ha stimato che il rapporto debito Pil Italia salirà al 130,4%, in netto peggioramento rispetto alla precedente stima di 126,1%. Se questo valore venisse confermato si tratterebbe del dato di debito pubblico più elevato dai primi anni 20′ del secolo scorso. Il debito comincerà a scendere a partire dal 2014 (129%) per poi attestarsi al 125,5% nel 2015. Le stime includono i proventi già previsti da privatizzazioni per un punto percentuale di Pil all’anno. Come nelle previsioni precedenti, il rapporto deficit Pil  dell’ Italia sara’ al 2,9% quest’anno per poi scendere all’1,8% nel 2014. Il Governo, oltre a quelli sul debito, ha annunciato anche i nuovi dati relativi all’avanzo primario dell’ Italia che si attesterà al 2,4% nel 2013 per poi salire al 3,8% nel 2014 (3,8% e 4,4% rispettivamente le precedenti stime).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Debito pubblico italiano