Il fallimento di Air Italy tra grandi ambizioni e tragici risultati finanziari

La liquidazione di Air Italy non aveva alternative e segna la fine del sogno sardo di avere una compagnia propria e a garanzia della continuità territoriale. Tragici i numeri finanziari.

di , pubblicato il
La liquidazione di Air Italy non aveva alternative e segna la fine del sogno sardo di avere una compagnia propria e a garanzia della continuità territoriale. Tragici i numeri finanziari.

L’assemblea dei soci ha deliberato la liquidazione di Air Italy, la compagnia aerea che ha preso il posto di Meridiana Fly dal 2018. Aga Khan (51%) e Qatar Airways (49%) non hanno potuto che prendere atto dell’impossibilità di continuare ad operare, dopo che le perdite nel 2019 sono arrivate alla stratosferica cifra di 230 milioni su un fatturato di appena 330 milioni, incidendovi per il 70%.

L’anno prima, erano state di 160 milioni, il 57% dei ricavi. Un peggioramento nettissimo rispetto all’ultimo anno di vita di Meridiana, quando il rosso si attestò sui 40 milioni, a fronte di un fatturato sopra i 350.

Air Italy in liquidazione, cosa succede a chi ha un biglietto, caos per 1.500 dipendenti

E dire che Air Italy era stata lanciata all’insegna dell’ottimismo: 50 nuovi velivoli, la prospettiva di assumere altri 1.500 dipendenti per trasportare 10 milioni di passeggeri all’anno, grazie all’apertura di nuove rotte e approfittando del collasso di Alitalia, prendendone il posto a Malpensa. Le cose, però, sono andate assai diversamente. Decine di nuove rotte sono state effettivamente aperte per essere poco dopo cancellate. L’acquisto di nuovi velivoli non è stato possibile e gli 11 esistenti (4 Airbus A330 e 7 Boeing 737) sono risultati vecchi e poco efficienti. Erano stati già acquistati 3 Boeing 737 Max, ma dopo gli incidenti in Etiopia e Indonesia, non sono stati utilizzati per i riscontrati problemi di sicurezza di questo tipo di velivoli. E così, la compagnia sarda nel 2018 aveva trasportato meno di 2 milioni di passeggeri, un quinto del target, quattordicesima in Italia, superata anche da concorrenti come Eurowings, Emirates e Wizz Air.

Sarebbero serviti 200 milioni per ricapitalizzare la compagnia, ma Alisarda, controllata dall’ismaelita Aga Khan, non aveva alcuna intenzione di aumentare la propria esposizione, mentre il socio di minoranza qatarino non poteva farlo, nemmeno se avesse voluto, visto che le norme UE vietano a una società non europea di detenere una partecipazione di maggioranza assoluta in una compagnia aerea. Qatar Airways si era persino impegnata a trovare un nuovo socio per il rilancio, ma non ci è riuscita.

Da qui, l’inevitabile presa d’atto del fallimento.

Finisce il sogno sardo

Il flop s’intreccia, in un certo senso, con la geopolitica. Da qualche anno, il Qatar è sotto embargo da parte degli stati vicini del Golfo Persico, Arabia Saudita in testa, per la sua vicinanza all’Iran. Gli stessi USA non vedono di buon occhio l’emirato e la Casa Bianca ha tuonato contro l’ingresso di Air Italy sul mercato americano, di fatto ridimensionando enormemente il sogno di Olbia di aprire nuove rotte intercontinentali per aumentare il traffico.

Un altro colpo lo ha assestato anche la cosiddetta “continuità territoriale”, vale a dire i voli tra Sardegna e resto d’Italia. L’obiettivo ambizioso consisteva nel superare Alitalia come numero di passeggeri trasportati, ma un contenzioso tra le due compagnie ha esitato un accordo affatto vantaggioso per Air Italy, che nell’estate scorsa aveva subito per tale via 5,6 milioni di euro di perdite, a causa della cattiva redistribuzione dei 25.000 sui 70.000 passeggeri da riproteggere, vale a dire i biglietti già acquistati per i voli dell’ex compagnia di bandiera. E così, ai 1.200 dipendenti è arrivata la triste lettera di licenziamento del presidente Roberto Spada, che ringrazia tutti per l’impegno profuso in questi anni. Tutto questo, quando anche il destino di Alitalia sembra segnato, sebbene la politica non ne voglia prendere atto o finga che esista ancora un futuro per la compagnia.

Il buco nero di Alitalia: perde 15 euro a passeggero

[email protected] 

 

 

 

Argomenti: , ,